Ultimo aggiornamento 3 giorni fa S. Lorenzo da Brindisi

Date rapide

Oggi: 21 luglio

Ieri: 20 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Booble News Costiera Amalfitana

Il giornale dalla Costa d'Amalfi

Booble News - Il giornale dalla Costa d'Amalfi Direttore responsabile: Manuela Nastri

Pasticceria Pansa, la dolcezza in piazza ad AmalfiHotel Santa Caterina Amalfi Caseificio "La Tramontina" - Prima Cotta, la Mozzarella di Bufala Campana fuori dal coro. Caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, Qualità

Tu sei qui: Salute e BenessereSanità, un medico su tre è disposto a cambiare lavoro

Frai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiPasticceria Pansa ad Amalfi la dolcezza dal 1830Maurizio Russo, liquorificio dal 1899 - Bu, le creme con latte di BufalaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoSupermercati Netto Maiori, Pagina ufficiale offerte Facebook

Salute e Benessere

sanità, medici, sindacato, questionario,

Sanità, un medico su tre è disposto a cambiare lavoro

E' quanto emerge da un'indagine del maggior sindacato dei medici ospedalieri Anaao Assomed. La richiesta? "Maggior sicurezza, tempo libero e stipendi più alti"

Inserito da (Redazione Nazionale), martedì 21 febbraio 2023 20:10:38

La situazione della sanità nel nostro Paese è assai critica e il periodo pandemico non ha fatto altro che evidenziare maggiormente tutti i problemi che gravitano nel comparto medico ospedaliero.

Se a questo aggiungiamo la situazione di disagio che vivono quotidianamente i sanitari - dove i fatti di cronaca di aggressione nei loro confronti sono quasi all'ordine del giorno - non dovrebbe destare particolare scalpore il risultato di un'indagine del maggior sindacato dei medici ospedalieri Anaao Assomed che ha fatto emergere un desiderio neanche tanto velato di lasciare la professione medica.

Una survey a cui hanno risposto 2130 tra medici e dirigenti sanitari: più della metà (56,1%) tra medici e dirigenti sanitari è insoddisfatta delle condizioni del proprio lavoro e 1 su 4 (26,1%) anche della qualità della propria vita di relazione o familiare. Un sintomo inequivocabile di quanto il lavoro ospedaliero sia divenuto - come detto - causa di sofferenza e di alienazione.

Se a questo aggiungiamo che uno su tre che lavora nelle strutture sanitarie sogna di fuggire dagli ospedali: disposto a cambiare lavoro per avere più tempo libero e stipendi più alti senza contrare poi come fra i medici compaia anche l'esigenza di una maggiore sicurezza sul lavoro per la fascia di età tra i 45 e i 55 anni.

Più della metà (56,1%) tra medici e dirigenti sanitari è insoddisfatta delle condizioni del proprio lavoro e 1 su 4 (26,1%) anche della qualità della propria vita di relazione o familiare.

L'insoddisfazione cresce con l'aumentare della anzianità di servizio e delle responsabilità, tanto che i giovani medici in formazione (24,6%) si dichiarano meno insoddisfatti dei colleghi di età più avanzata (36,5%), tra i quali si raggiunge l'apice nella fascia di età tra i 45 e i 55 anni, un periodo della vita lavorativa in cui si aspetta quel riconoscimento professionale che il nostro sistema, però, non riesce a garantire. Per quanto riguarda i cambiamenti desiderati nel lavoro, il podio è occupato da incrementi delle retribuzioni con il 63,9% delle risposte, e da una maggiore disponibilità di tempo con il 55,2%.

In generale, l'aumento delle retribuzioni e del tempo libero hanno un peso maggiore nelle aspettative rispetto alla progressione di carriera evidenziando come la crisi della professione è più sentita al sud rispetto al nord: il 53,6% al nord, passando al 56,3% del Centro per finire al sud e Isole con ben il 64,2% di insoddisfatti.

Ma il dato appare - osserva il sindacato - talmente diffuso da "configurare quasi una patologia endemica con la quale convivere e per la quale non esiste vaccino o terapia".

Pesa altresì il fatto che l'Italia spenda solo il 6,1% del Pil per la sanità, la cifra più bassa tra i paesi del G7, ben al di sotto della media europea di 11,3% con il costo della sanità privata pari al 2,3%, poco sopra la media europea. Occorre immaginare - propone l'Anaao Assomed - un nuovo modello che tenga nella dovuta attenzione la presa in carico del paziente, sia cronico che in acuzie, aumentando posti letto e personale, e implementando quella medicina di prossimità che appare oggi sempre più teorica, liberando i professionisti dalla medicina di carta che sottrae tempo alla cura".

 

Fonte foto: Foto divalelopardodaPixabay e Foto diHilary ClarkdaPixabay

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Booble News!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

rank: 10426100

Salute e Benessere

Nasce al Policlinico Nuovo di Napoli l'ambulatorio per stranieri, sabato 9 marzo l'inaugurazione

Il Dipartimento di Endocrinologia, Diabetologia, Nutrizione e Andrologia Federico II diretto dalla prof Annamaria Colao in collaborazione con il consigliere regionale Fulvio Frezza, il presidente dell'Adif II (Associazione Diabetici Federico II) Roberto Sepe, l'ufficio stranieri del Comune di Napoli...

Torna il bonus psicologo. Schillaci: "Salute mentale è priorità"

di Norman di Lieto Secondo un'indagine a livello mondiale Ipsos del 2022 il popolo che pone maggiore attenzione alla propria salute mentale è il Portogallo, il popolo che invece ne presta meno, è quello cinese. Quello italiano si trovava se non all'ultima posizione, di certo non in posizioni di vertice;...

Giornata internazionale epilessia, 75 milioni di persone nel mondo ne soffrono

Oggi, 12 febbraio, si celebra la giornata internazionale dell'epilessia che colpisce tra i 50 e i 75 milioni di persone nel mondo, 6 milioni in Europa, circa 600mila in Italia che oltre alle rilevanti implicazioni mediche può avere un impatto sul benessere psicologico e sugli aspetti sociali della vita...

Giornata mondiale contro il cancro, Schillaci: "Prevenzione è fondamentale"

di Norman di Lieto Oggi si celebra la giornata mondiale contro il cancro, il ministro della Salute, Orazio Schillaci ha dichiarato: "La lotta ai tumori è una priorità mia e del Ministero della Salute. Molti tumori si possono prevenire e per questo siamo impegnati per incentivare i cittadini ad adottare...

Quello che le donne non dicono: il progetto tra donne per le donne (e non solo)

di Norman di Lieto "Siamo così è difficile spiegare certe giornate amare, lascia stare..." Proprio con l’incipit della canzone di Fiorella Mannoia: "Quello che le donne non dicono" nelle orecchie, mi sono recato settimana scorsa allo spazio Sauli ad un evento di presentazione che, come persona di genere...