Ultimo aggiornamento 3 giorni fa S. Francesco Solano

Date rapide

Oggi: 14 luglio

Ieri: 13 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Booble News Costiera Amalfitana

Il giornale dalla Costa d'Amalfi

Booble News - Il giornale dalla Costa d'Amalfi Direttore responsabile: Manuela Nastri

Pasticceria Pansa, la dolcezza in piazza ad AmalfiHotel Santa Caterina Amalfi Caseificio "La Tramontina" - Prima Cotta, la Mozzarella di Bufala Campana fuori dal coro. Caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, Qualità

Tu sei qui: Salute e BenessereGiornata mondiale contro il cancro, Schillaci: "Prevenzione è fondamentale"

Frai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiPasticceria Pansa ad Amalfi la dolcezza dal 1830Maurizio Russo, liquorificio dal 1899 - Bu, le creme con latte di BufalaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoSupermercati Netto Maiori, Pagina ufficiale offerte Facebook

Salute e Benessere

cancro, giornata mondiale, 4 febbraio, oncologia, oblio oncologico

Giornata mondiale contro il cancro, Schillaci: "Prevenzione è fondamentale"

Un quarto delle morti per cancro in Italia è riconducibile a bassa istruzione. Non solo: un problema emergente, soprattutto negli ultimi anni, è anche quello della 'tossicità finanziaria', ovvero l'insostenibilità dei costi per le cure che interessa oltre 1 paziente su 4

Inserito da (Redazione Nazionale), domenica 4 febbraio 2024 12:38:55

di Norman di Lieto

Oggi si celebra la giornata mondiale contro il cancro, il ministro della Salute, Orazio Schillaci ha dichiarato:

"La lotta ai tumori è una priorità mia e del Ministero della Salute. Molti tumori si possono prevenire e per questo siamo impegnati per incentivare i cittadini ad adottare stili di vita corretti e aderire ai programmi di screening oncologici gratuiti del Servizio Sanitario Nazionale.

La prevenzione resta lo strumento più efficace per contrastare l'insorgenza del cancro ed è centrale anche all'interno del Piano oncologico nazionale insieme alla ricerca, altra leva essenziale su cui stiamo investendo.

Questo Governo ha dato inoltre un segnale importante anche ai guariti dal cancro, approvando la legge sull'oblio oncologico, che ho fortemente sostenuto, affinché alla guarigione dal punto di vista medico corrispondesse, finalmente, anche una guarigione giuridica e sociale''.

Proprio alla viglia della giornata del 4 febbraio, uno studio presentato durante il Convegno 'Close the Care Gap', promosso dall'Istituto Superiore di Sanità (Iss), Aiom (Associazione Italiana di Oncologia Medica) e Fondazione Aiom ha evidenziato come:

'Un quarto delle morti per cancro in Italia è riconducibile a bassa istruzione. Non solo: un problema emergente, soprattutto negli ultimi anni, è anche quello della 'tossicità finanziaria', ovvero l'insostenibilità dei costi per le cure che interessa oltre 1 paziente su 4'.

Due temi fondamentali: livello di istruzione e condizioni socio-economiche sono quelli che pesano in misura sempre maggiore sulla riuscita delle cure contro i tumori.

30mila i decessi oncologici nel 2019 nel nostro Paese che si possono legare alla scarsa scolarità: il ciclo di studi, infatti, spesso condiziona anche la successiva capacità di reddito e la possibilità di accedere al percorso terapeutico migliore, come evidenzia un recente studio sul Journal of Public Health.

Nel 2023, in Italia, sono state stimate 395.000 nuove diagnosi di tumore: le persone con un alto livello di istruzione, afferma il presidente della Fondazione Aiom Saverio Cinieri, "dispongono di più strumenti per comprendere l'importanza della prevenzione, per interpretare le informazioni utili sui sintomi della malattia e per adottare comportamenti che possono influire sull'efficacia delle terapie. Da qui il tasso di mortalità per cancro più elevato nei cittadini meno istruiti".

La sedentarietà, ad esempio, presenta un gradiente sociale a svantaggio delle persone con maggiori problemi economici o bassa istruzione, fra le quali raggiunge il 43% rispetto al 25% dei cittadini che non vivono questa condizione.

E l'obesità è pari al 17% fra gli individui con svantaggio sociale rispetto al 9% di chi non ne riferisce.

Basti pensare che, nel 2022, in Italia quasi 28mila pazienti oncologici hanno cambiato Regione per curarsi, in particolare per un intervento chirurgico.

La tossicità finanziaria, spiega il presidente Aiom Francesco Perrone, "interessa anche i pazienti di sistemi sanitari universalistici come il nostro. In Italia, al momento della diagnosi il 26% dei pazienti deve affrontare problemi di natura economica e il 22,5% peggiora questa condizione di disagio durante il trattamento. Questi ultimi, inoltre, hanno un rischio di morte nei mesi e anni successivi del 20% più alto". Alcune spese, sottolinea, riguardano il ricorso alla sanità privata. Altre toccano farmaci supplementari o integratori, oppure trattamenti aggiuntivi utili, ad esempio la fisioterapia che è difficile praticare nel sistema pubblico. Poi c'è la logistica: la distanza tra la casa e il luogo dove si ricevono le cure e le spese di trasporto da sostenere. Insomma, "una serie di determinanti - afferma il presidente degli oncologi - sui quali vogliamo sensibilizzare i decisori politici e gli amministratori, che possono mettere in campo politiche di cambiamento".

L'Oncologia, è il monito degli specialisti, "è un cardine del Servizio Sanitario Nazionale, ma va sostenuta con misure strutturali". Oltre a questi aspetti, continuano poi a pesare i cattivi stili di vita, a partire da alimentazione e scarsa aderenza agli screening. Per questo, ha concluso il presidente dell'Iss Rocco Bellantone, "va aumentata l'educazione sanitaria dei cittadini e bisogna promuovere un programma mirato sugli stili di vita che parta già dalle scuole elementari". A tal fine, ha annunciato, "avvieremo un progetto ad hoc nelle scuole, che auspichiamo possa partire già dal prossimo anno scolastico.

È giunto anche un appello al ministro della Sanità, Schillaci dell'Intergruppo Malattie Rare e associazioni per attuare la legge sull'oblio oncologico, approvata a gennaio, che ha scritto al titolare del dicastero della Salute in occasione della Giornata mondiale contro il cancro.

La richiesta è quella di "porre davvero fine, entro i termini previsti dalla legge, alle ingiuste discriminazioni nei confronti di oltre un milione di persone guarite da cancro e di quasi quattro milioni di malati oncologici", spiega in una nota la Federazione italiana delle associazioni di volontariato in oncologia (Favo).

Per il presidente Favo, Francesco De Lorenzo:

"Questa legge cambia la vita del mondo dei malati di cancro, cancella lo stigma, elimina e previene le inaccettabili discriminazioni, restituisce l'accesso a diritti alle persone guarite. Tutti i malati di cancro (3,7 milioni) hanno quindi grande fretta di usufruirne".

 

FONTE FOTO: Foto diPDPicsdaPixabay e Foto diLindsay FoxdaPixabay

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Booble News!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

Fumo<br />&copy; Foto di Lindsay Fox da Pixabay Fumo © Foto di Lindsay Fox da Pixabay

rank: 10445101

Salute e Benessere

Nasce al Policlinico Nuovo di Napoli l'ambulatorio per stranieri, sabato 9 marzo l'inaugurazione

Il Dipartimento di Endocrinologia, Diabetologia, Nutrizione e Andrologia Federico II diretto dalla prof Annamaria Colao in collaborazione con il consigliere regionale Fulvio Frezza, il presidente dell'Adif II (Associazione Diabetici Federico II) Roberto Sepe, l'ufficio stranieri del Comune di Napoli...

Torna il bonus psicologo. Schillaci: "Salute mentale è priorità"

di Norman di Lieto Secondo un'indagine a livello mondiale Ipsos del 2022 il popolo che pone maggiore attenzione alla propria salute mentale è il Portogallo, il popolo che invece ne presta meno, è quello cinese. Quello italiano si trovava se non all'ultima posizione, di certo non in posizioni di vertice;...

Giornata internazionale epilessia, 75 milioni di persone nel mondo ne soffrono

Oggi, 12 febbraio, si celebra la giornata internazionale dell'epilessia che colpisce tra i 50 e i 75 milioni di persone nel mondo, 6 milioni in Europa, circa 600mila in Italia che oltre alle rilevanti implicazioni mediche può avere un impatto sul benessere psicologico e sugli aspetti sociali della vita...

Quello che le donne non dicono: il progetto tra donne per le donne (e non solo)

di Norman di Lieto "Siamo così è difficile spiegare certe giornate amare, lascia stare..." Proprio con l’incipit della canzone di Fiorella Mannoia: "Quello che le donne non dicono" nelle orecchie, mi sono recato settimana scorsa allo spazio Sauli ad un evento di presentazione che, come persona di genere...

Pancreas, mancano enzimi e Fedez lancia l'allarme

Stanno aumentando negli ultimi tempi gli appelli di molti pazienti che hanno patologie legate al Pancreas e che non riescono a trovare i farmaci necessari per curarsi. A fare da cassa di risonanza c'è anche il cantante Federico Lucia, in arte Fedez che con la sua fondazione prova a farsi portavoce per...