Ultimo aggiornamento 5 giorni fa B. Vergine del Carmelo

Date rapide

Oggi: 16 luglio

Ieri: 15 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Booble News Costiera Amalfitana

Il giornale dalla Costa d'Amalfi

Booble News - Il giornale dalla Costa d'Amalfi Direttore responsabile: Manuela Nastri

Pasticceria Pansa, la dolcezza in piazza ad AmalfiHotel Santa Caterina Amalfi Caseificio "La Tramontina" - Prima Cotta, la Mozzarella di Bufala Campana fuori dal coro. Caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, Qualità

Tu sei qui: AttualitàCensis, il 76,5% degli italiani fatica a riconoscere le fake news

Frai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiPasticceria Pansa ad Amalfi la dolcezza dal 1830Maurizio Russo, liquorificio dal 1899 - Bu, le creme con latte di BufalaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoSupermercati Netto Maiori, Pagina ufficiale offerte Facebook

Attualità

censis, ai, intelligenza artificiale, informazione, fake news

Censis, il 76,5% degli italiani fatica a riconoscere le fake news

Presentato oggi a Palazzo Giustiniani in Senato il 3° Rapporto Ital Communications - Censis: "Disinformazione e fake news in Italia. Il sistema dell'informazione alla prova dell'Intelligenza Artificiale"

Inserito da (Redazione Nazionale), mercoledì 26 luglio 2023 18:03:45

di Norman di Lieto

Distinguere le fake news non sembra così facile secondo quanto emerso nel 3° Rapporto Ital Communications-Censis 'Disinformazione e fake news in Italia. Il sistema dell'informazione alla prova dell'Intelligenza Artificiale' dove emerge come il 76,5% degli italiani fatichi a riconoscere quelle che sono notizie false.

Nonostante la maggior parte degli Italiani si informi regolarmente la difficoltà nel reperire le informazioni nel modo corretto rappresenta uno dei timori maggiori che son emersi considerando che il 20,2% crede di non avere le competenze per saper riconoscere le fake news e il 61,1% di averle solo in parte.

A onor del vero, è presenta anche un 29,7% che nega l'esistenza delle bufale e pensa non si debba parlare di fake news, ma di notizie vere che vengono deliberatamente censurate dai palinsesti che poi le fanno passare come false.

È l'89,5% degli italiani a pensare che sia necessario creare un'alleanza stabile tra tutti gli stakeholder che hanno interesse a far circolare un'informazione attendibile e di qualità.

Sono circa 47 milioni gli italiani, il 93,3% del totale che si informano abitualmente (con una frequenza come minimo settimanale) almeno su una delle fonti disponibili:

l'83,5% usa anche il web e il 74,1% i media tradizionali. Il 64,3% utilizza un mix di fonti informative, tradizionali e online, il 9,9% si affida solo ai media tradizionali e il

Un tema molto attuale come il supporto dell'intelligenza artificiale nei confronti degli stessi giornalisti di cui abbiamo parlato sul nostro portale, intervistando poi anche il più autorevole giornalista della Costiera amalfitana, Sigismondo Nastri, crea delle incognite per gli intervistati proprio l'utilizzo dell'intelligenza artificiale nell'informazione.

Se da una parte il 75,1% della popolazione ritiene che con l'upgrading tecnologico verso l'Ai sarà sempre più difficile controllare la qualità delle notizie, il 58,9% pensa che l'intelligenza artificiale possa diventare uno strumento a supporto dei professionisti della comunicazione.

Secondo Alberto Barachini, sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega all'Informazione e all'Editoria:

"L'intelligenza artificiale è già classificata in ambito europeo ad alto rischio per l'informazione. Serve un filtro che permetta di riconoscere immediatamente un contenuto creato dall'uomo rispetto a quelli dell'intelligenza artificiale.

Tuttavia non basta un'etichettatura se non si struttura la capacità collettiva di allontanare il contenuto rischioso, attraverso nuovi strumenti di garanzia di una corretta informazione dei quali devono dotarsi i media".

In generale l'85,8% degli italiani ha paura di farsi trovare impreparato di fronte a un cambiamento tecnologico che, presumibilmente, regolerà nuovamente il modo di vivere, studiare, lavorare e anche di produrre e accedere alle informazioni, e ritiene che ci sia bisogno di far conoscere di più ai cittadini i vantaggi e i limiti dell'utilizzo dell'intelligenza artificiale.

 

Fonte foto: Foto diEngin AkyurtdaPixabay e Foto diGerd AltmanndaPixabay

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Booble News!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

rank: 10646104

Attualità

Da Mario Bros ai Nirvana, la storia degli anni '90 al Whitemoon

Il prossimo venerdì 8 giugno la Discoteca WhiteMoon di Tornino si trasformerà in un tempio degli anni '90. La storica discoteca di Riccione infatti ospiterà il format "90 Wonderland" che sta facendo ballare (e rivivere con nostalgia quei momenti) centinaia di migliaia di persone in un evento itinerante...

Gragnano, tutto pronto per il primo micronido comunale “Infanzia Serena”: inaugurazione il 14 maggio

È tutto pronto a Gragnano l'inaugurazione del primo micronido comunale "Infanzia Serena", un punto di riferimento fondamentale per le famiglie e la crescita dei nostri piccoli. L'inaugurazione ufficiale si terrà il 14 maggio alle ore 11 presso la sede del micronido in via San Giovanni, 28. Un momento...

"Vigna Resilience": a Napoli la prima vigna didattica gestita da studenti

Una nuova iniziativa educativa e culturale prende vita a Napoli con l'apertura della "Vigna Resilience", la prima vigna didattica completamente gestita da studenti provenienti dalle scuole delle periferie cittadine. Il progetto, sviluppato dalla cantina RadiciVive in collaborazione con il Comune di Napoli,...

Pisa, cariche polizia sugli studenti: 7 agenti si sono auto identificati

7 agenti si sono auto - identificati come personale in servizio durante gli scontri avvenuti a Pisa lo scorso 23 febbraio durante il corteo pro Palestina organizzato dagli studenti toscani. Ora la procura che sta indagando sulle cariche è in possesso di alcuni nomi degli agenti che, appunto, si sono...

Multe, gli italiani nel 2023 hanno pagato 1,535 miliardi

Si discute spesso su una delle modalità di incasso dei Comuni che arrivano a 'rimpinguare' casse - soventi - esangui, grazie anche (o soprattutto) ai rilevatori di velocità. Ora emergono dati e numeri incredibili e che arrivano dal sistema telematico del ministero dell'Economia che censisce tutti i movimenti...