Booble News - Il giornale dalla Costa d'Amalfi

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Booble News - Il giornale dalla Costa d'Amalfi

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

Ultimo aggiornamento 4 ore fa S. Aurelio martire

Date rapide

Oggi: 24 febbraio

Ieri: 23 febbraio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Booble News Costiera Amalfitana

Il giornale dalla Costa d'Amalfi

Booble News - Il giornale dalla Costa d'Amalfi Direttore responsabile: Manuela Nastri

Pasticceria Pansa, la dolcezza in piazza ad AmalfiHotel Santa Caterina Amalfi  Prima Cotta, Caseificio "La Tramontina" - Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, Qualità

Tu sei qui: PoliticaCentenario istituzione Stella al Merito del Lavoro, Mattarella: "No al lavoro come merce"

Frai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiPasticceria Pansa ad Amalfi la dolcezza dal 1830Maurizio Russo, liquorificio dal 1899 - Bu, le creme con latte di BufalaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoSupermercati Netto Maiori, Pagina ufficiale offerte Facebook

Politica

centenario, stella al merito, mattarella, lavoro, costituzione

Centenario istituzione Stella al Merito del Lavoro, Mattarella: "No al lavoro come merce"

Nel Salone dei Corazzieri sono intervenuti il presidente della Federazione Nazionale Maestri del Lavoro, Elio Giovati e il ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Marina Calderone

Inserito da (Redazione Nazionale), martedì 5 dicembre 2023 21:21:46

di Norman di Lieto

Gli scenari del lavoro, cambiano sempre di più e all'interno del mondo occupazionale convivono realtà professionali anche agli antipodi: è quanto emerge dalle dichiarazioni del Capo dello Stato, Sergio Mattarella, in occasione della celebrazione al Palazzo del Quirinale, del centenario della istituzione della ''Stella al Merito del Lavoro''e di consegna delle Stelle al Merito del Lavoro per l'anno 2023.

Nel Salone dei Corazzieri sono intervenuti il presidente della Federazione Nazionale Maestri del Lavoro, Elio Giovati e il ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Marina Calderone e hanno portato le loro testimonianze lo studente Fratus Gabriel, dell'Istituto di Istruzione superiore Luigi Einaudi di Chiari (BS) e la studentessa Anita De Meo dell'Istituto Jacopo della Quercia di Bologna.

Il Presidente Mattarella, coadiuvato dal ministro Calderone, ha quindi consegnato le Stelle al Merito del Lavoro ''alla memoria'' di Mariano Bruno Guidorizzi, di Matteo Zenatello, di Paolo Franco e di Pasquale D'Ettorre.

Durante il suo discorso il presidente Mattarella ha tenuto a sottolineare come:

''Oggi registriamo una frammentazione del lavoro, pur in quadro in cui gli indicatori occupazionali mostrano segni complessivamente positivi. Da un lato l'occupazione stabile, il lavoro professionale qualificato, i settori di avanguardia, l'organizzazione aziendale attenta alla qualità.Dall'altro inoccupazione, bassi salari, precarietà, caporalato, ritardo nell'ingresso dei giovani e delle donne nel mercato del lavoro, squilibri di salario a parità di lavoro''.

Poi ha sottolineato il tema della contrattazione sindacale, tornata di grande attualità con la maggioranza che la definisce centrale per la definizione del salario dei lavoratori e con l'opposizione che la considera sì fondamentale, ma solo se affiancata all'introduzione del salario minimo.

Proprio su questo tema, quella della contrattazione nazionale tra le parti sociali si è soffermato Mattarella:

''Tra queste polarità resiste il lavoro più tradizionale, quello che ancora costituisce il principale pilastro delle relazioni sindacali e che tiene in vita l'impalcatura della contrattazione collettiva. Ma le trasformazioni incalzano e gli equilibri sono sempre da ridefinire per dare attuazione piena al dettato costituzionale''.

E ancora:

''Quando la Costituzione parla di Repubblica fondata sul lavoro non propone il concetto del lavoro come merce, quanto quello di 'persona che lavora', come protagonista e, in quanto cittadino, soggetto di diritti e doveri. E' la persona che lavora a rappresentare il nesso con il progresso e la crescita della qualità della vita''.

E davanti alle grandi sfide del futuro, dichiara:

''Abbiamo bisogno di speranza e di fiducia nel domani. Essere protagonisti, non farci vincere dalla paura del nuovo, dall'incertezza dei cambiamenti. Guidare i processi: questa è la sfida''.

Poi, la sottolineatura su come il lavoro sia stato centrale nello sviluppo del nostro Paese, protagonista assoluto della crescita generalizzata:

"E' stato anzitutto il lavoro a far maturare e crescere l'Italia in questo oltre secolo e mezzo. E' stato motore di avanzamento sul piano sociale, civile, economico, culturale.

Il lavoro è stato propulsore e avanguardia del progresso: lo è stato nell'emancipazione da condizioni individuali di subalternità, anche attraverso l'opera delle organizzazioni dei lavoratori.

Nell'espansione dei diritti e nell'affermazione del loro carattere universale. Nella costruzione di un modello sociale, e di welfare, capace di garantire più alti livelli di sostegno e assistenza a chi si trova nel bisogno.

Nel potenziamento dell'istruzione, nel rafforzamento delle norme sulla sicurezza sociale e delle condizioni di lavoro''.

Poi la centralità della Costituzione e di come i costituenti abbiano dato un valore fondante al lavoro:

"I costituenti hanno deciso di indicare nel lavoro il fondamento della Repubblica nata dalla Resistenza e dalla Liberazione. Una scelta generativa, per dirla con un'espressione efficace e moderna, per piantare solide radici nella società. Una Costituzione pluralista -scriveva Giorgio La Pira prima ancora del voto finale sulla Carta, settantacinque anni fa- a differenza di una Costituzione di tipo statalista o individualista, può edificare il proprio ordinamento soltanto sul lavoro e sulla dignità del lavoro per tutti''.

E poi ha sottolineato, Mattarella, l'importanza dell'articolo 4 della Costituzione:

"Il lavoro è, difatti, condizione centrale di un pieno sviluppo della personalità umana. E', quindi, anche veicolo di libertà. Nel contribuire alla crescita della comunità si esprime una parte incomprimibile di noi stessi.

E l'articolo 4 lega il diritto al dovere: ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un'attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società. A questa etica del lavoro la nostra democrazia resta legata, pur se il lavoro cambia continuamente, sospinto dalle nuove tecnologie, dalle sempre diverse dimensioni dei mercati, da mutamenti che incidono anche sui modelli sociali. Forse mai come questi ultimi decenni si sono prodotti cambiamenti così profondi, veloci e di così grande impatto persino sulle aspettative personali e sui progetti di vita", ha affermato Mattarella.

Quello che non deve spaventare sono i grandi cambiamenti che la società sta portando anche sul piano del lavoro:

''Forse mai come questi ultimi decenni si sono prodotti cambiamenti così profondi, veloci e di così grande impatto persino sulle aspettative personali e sui progetti di vita.

Eppure nulla muta il carattere del lavoro, espressione della creatività umana e misura del contributo di ciascuno alla vita della comunità. L'accelerazione tecnologica porta con sé una ambivalenza sociale, la necessità di scelte e di responsabilità. Non si può sfuggire alla sfida, non si può certo perdere l'occasione di un balzo in avanti. Occorre però governare lo sviluppo con intelligenza e lucidità di visione per cogliere le opportunità di maggior benessere per la comunità e ridurre i rischi di fratture sociale, di emarginazioni, di desertificazioni di alcuni territori''.

Sergio Mattarella in questa celebrazione di oggi è riuscito a tenere insieme l'importanza del lavoro, legandola al dettato costituzionale, rendendo centrali gli articoli 1 e 4.

Sembra che nel nostro Paese si siano smarriti entrambi, su tutti, forse è proprio l'articolo 4 ad aver abbandonato i suoi cittadini al proprio destino, troncando sul nascere le aspettative di chi avrebbe voluto concorrere al progresso materiale e spirituale della società.

Un cittadino ha perso, ma ha perso tutto lo Stato quando l'articolo 4 non entra davvero nelle vite delle persone.

Il tema poi, della contrattazione nazionale e dei salari bassi, facendo una distinzione tra chi ha tutto, e chi poco o nulla: quello che scrivevo sulla contrattazione di secondo livello in aziende come Luxottica e Lamborghini o della stessa Intesa, che possono vantare salari alti e meno ore lavorate, contro chi invece, dall'altra parte della barricata oltre alla precarietà dell'impiego aggiunge anche quello del salario.

C'è da dire che gli ultimi anni hanno fatto vedere un'accelerazione nei cambiamenti dirompenti: d'accordo non spaventarsi, ma saremmo tutti più tranquilli se la nostra classe dirigente fosse in grado di saper tenere saldamente la barra di comando.

Non ci piace l'idea di veder suonare l'orchestra sul Titanic, nonostante tutto.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Booble News!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

Sergio Mattarella, presidente della Repubblica<br />&copy; Sito istituzionale Quirinale Sergio Mattarella, presidente della Repubblica © Sito istituzionale Quirinale
Lavoratore<br />&copy; Foto di LEEROY Agency da Pixabay Lavoratore © Foto di LEEROY Agency da Pixabay

rank: 10124100

Politica

Roma, bruciato manichino con sembianze Meloni. Mattarella: "Piena solidarietà"

Il rogo di ieri sera a Roma durante il corteo per Valerio Verbano dove è stato incendiato un pupazzo in cartone raffigurante la premier Giorgia Meloni ha suscitato sdegno del mondo politico anche se è polemica per un post dell'assessore del Municipio III di Roma, Luca Blasi che ha 'lodato' il gesto....

Terzo mandato, maggioranza si spacca. Salvini: "Nessun problema"

di Norman di Lieto Il terzo mandato divide la maggioranza: uno dei 'manifesti politici' della Lega (loro l'emendamento Zaia) ha visto spaccarsi la maggioranza di centrodestra. Se da una parte, come detto, è il Carroccio a volerlo fortemente, dall'altra gli alleati sembrano decisamente più tiepidi: in...

Autonomia, De Luca: "Non ho insultato nessuno"

Le polemiche dopo le parole di Vincenzo De Luca, governatore della Campania, arrivano, in un modo o nell'altro. Impetuose, causa-effetto, insomma. Dopo la manifestazione di venerdì davanti a Palazzo Chigi a Roma voluta dallo stesso De Luca che ha 'condotto' diversi sindaci della regione a manifestare...

Autonomia, Siulp contro De Luca: "Offese verso personale polizia"

Ci sono stati momenti di tensione ieri a Roma, davanti a Palazzo Chigi, con il governatore della Campania, Vincenzo De Luca che ha guidato i sindaci della 'sua' regione per protestare contro la legge sull'Autonomia dopo il primo sì al Senato e che aveva visto lo stesso De Luca annunciare - sin dal giorno...

Comuni, arriva la norma 'salva sindaci'

L'abuso d'ufficio che per anni è stata una sorta di 'Spada di Damocle' in capo ai sindaci, ma non dovrebbe esistere più: l'addio arriva grazie agli emendamenti di Forza Italia e Lega a decreto elettorale. Addio alla "responsabilità oggettiva" nei casi in cui i funzionari o i dipendenti non attuassero...

Booble News - Il giornale dalla Costa d'Amalfi

Abbiamo notato che stai usando uno strumento che blocca gli annunci pubblicitari.

La pubblicità ci permette di offrirti ogni giorno un servizio di qualità.

Per supportarci disattiva l'AdBlock che stai utilizzando.