Booble News - Il giornale dalla Costa d'Amalfi

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Booble News - Il giornale dalla Costa d'Amalfi

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

Ultimo aggiornamento 7 ore fa S. Marco evangelista

Date rapide

Oggi: 25 aprile

Ieri: 24 aprile

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Booble News Costiera Amalfitana

Il giornale dalla Costa d'Amalfi

Booble News - Il giornale dalla Costa d'Amalfi Direttore responsabile: Manuela Nastri

Pasticceria Pansa, la dolcezza in piazza ad AmalfiHotel Santa Caterina Amalfi Caseificio "La Tramontina" - Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, Qualità

Tu sei qui: Territorio e AmbienteAutonomia, i report sulla sanità di Svimez e Save the Children

Frai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiPasticceria Pansa ad Amalfi la dolcezza dal 1830Maurizio Russo, liquorificio dal 1899 - Bu, le creme con latte di BufalaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoSupermercati Netto Maiori, Pagina ufficiale offerte Facebook

Territorio e Ambiente

autonomia, sanità, divario, nord, sud, carenze, svimez, save the children, gimbe

Autonomia, i report sulla sanità di Svimez e Save the Children

Nel 2022 dei 629mila migranti sanitari (volume di ricoveri), il 44% era residente in una regione del Mezzogiorno. Cartabellotta, Gimbe: "Riforma Calderoli in ambito sanitario aggrava le disuguaglianze interregionali".

Inserito da (Redazione Nazionale), martedì 20 febbraio 2024 17:20:04

di Norman di Lieto

Quando si parla di Autonomia è facile 'andar dietro' alle polemiche tra De Luca che dovendo fare 'anticamera' davanti ai portoni di Palazzo Chigi ha prima risposto per le rime ad un funzionario di polizia che gli chiedeva di pazientare (e trovando il sindacato dei poliziotti, Siulp, attaccare il governatore per questo) e poi, ha 'apostrofato' la premier Giorgia Meloni salvo poi dire che lui non aveva insultato nessuno.

Quello che forse non è stato detto e che dietro a questo 'ping pong' c'è il rischio che si perda il senso della riforma Calderoli e, su questo, siamo d'accordo con Susanna Camusso, senatrice del Pd, eletta proprio in Campania che ha sostenuto come De Luca con il suo comportamento e le risposte conseguenti arrivate ha - di fatto - tolto l'attenzione dal motivo del contendere: l'Autonomia e perché questa non vada bene per il Sud.

Si rischia, dunque, di dimenticarsi del motivo del contendere.

E questo non va bene.

Torniamo alle analisi di Svimez sui 'divari Nord-Sud nel diritto alla salute', promosso proprio da Svimez in collaborazione con Save the Children e presentato qualche giorno fa.

In base alle recenti valutazioni del Crea (Centro per la ricerca economica applicata in sanità), sono il 6,1% le famiglie italiane in povertà sanitaria, che registrano difficoltà nel curarsi o hanno rinunciato del tutto a sostenere spese sanitarie.

Nel Mezzogiorno la quota la povertà sanitaria riguarda l'8% dei nuclei familiari, una percentuale doppia rispetto al 4% del Nord-Est (5,9% al Nord-Ovest, 5% al Centro).

Sempre nel meridione, secondo il rapporto di Svimez e Save The Children, la speranza di vita è minore al Sud di 1,5 anni: più alta anche la mortalità per tumore, pari al 9,6 per 10 mila abitanti per gli uomini rispetto a circa l'8 del Nord.

Luca Bianchi, dichiara:

"I dati del report offrono la fotografia preoccupante di un divario di cura che si traduce in minori aspettative di vita e più alti tassi di mortalità per le patologie più gravi nelle regioni del Mezzogiorno. Rafforzare la dimensione universale del Sistema sanitario nazionale è la strada per rendere effettivo il diritto costituzionale alla salute".

Gli autori del report, pubblicato nell'ultimo numero di 'Informazioni Svimez', curato da Luca Bianchi, Serenella Caravella e Carmelo Petraglia, rilevano peggiori condizioni sanitarie, meno prevenzione, mortalità per tumori più elevata.

I divari territoriali, viene evidenziato, sono aumentati in un contesto di "generalizzata debolezza del sistema sanitario che, nel confronto europeo, risulta sottodimensionato per stanziamenti di risorse pubbliche (in media 6,6% del Pil contro il 9,4% di Germania e l'8,9% di Francia), a fronte di un contributo privato comparativamente elevato (24% della spesa sanitaria complessiva, quasi il doppio di Francia e Germania)".

A fronte di una media nazionale di 2.140 euro, la spesa corrente più bassa si registra in Calabria (1.748 euro), Campania (1.818 euro), Basilicata (1.941 euro) e Puglia (1.978 euro).

Per la parte di spesa in conto capitale, i valori più bassi si ravvisano in Campania (18 euro), Lazio (24 euro) e Calabria (27 euro), mentre il dato nazionale si attesta su una media di 41 euro.

Il monitoraggio Lea (Livelli essenziali di assistenza), che offre un quadro delle differenze nell'efficacia e qualità delle prestazioni fornite dai diversi Servizi sanitari regionali, fa emergere i deludenti risultati del Sud: 5 Regioni del Mezzogiorno risultano inadempienti, rileva il rapporto.

E poi c'è il fattore sociale: su 1,6 milioni di famiglie italiane in povertà sanitaria, 700mila sono al Sud.

Un dato che incide è anche quello che nel Mezzogiorno si fa meno prevenzione oncologica: secondo le valutazioni dell'Istituto superiore di sanità (Iss), nel biennio 2021-2022 in Italia circa il 70% delle donne di 50-69 anni si è sottoposta ai controlli.

Sono circa 2 su 3 che hanno di fatto aderito ai programmi di screening gratuiti: la copertura complessiva è dell'80% al Nord, del 76% al Centro, ma scende ad appena il 58% nel Mezzogiorno.

La prima regione per copertura è il Friuli Venezia Giulia (87,8%); le quote più basse si registrano in Campania (20,4%) e in Calabria, dove le donne che hanno effettuato screening promossi dal servizio sanitario sono appena l'11,8%, il dato più basso in Italia.

Avevamo già trattato della mobilità sanitaria con i viaggi da Sud a Nord che sono ormai un dato di fatto e che dopo Gimbe è anche la stessa Svimez a rimarcare la questione mettendo anch'essa in evidenza i dati.

Ci si cura quindi in strutture sanitarie del Centro e del Nord, in particolare per le patologie più gravi, 'ignorando' le strutture presenti al sud: a confermare che i 'viaggi della speranza' non si sono mai fermati è (anche) il rapporto Svimez:

"Nel 2022 dei 629mila migranti sanitari (volume di ricoveri), il 44% era residente in una regione del Mezzogiorno.

Per le patologie oncologiche, 12.401 pazienti meridionali, pari al 22% del totale dei pazienti, si sono spostati per ricevere cure in un Servizio sanitario regionale del Centro o del Nord nel 2022. Solo 811 pazienti del Centro-Nord (lo 0,1% del totale) hanno fatto il viaggio inverso. Ed è la Calabria a registrare l'incidenza più elevata di migrazioni: il 43% dei pazienti si rivolge a strutture sanitarie di regioni non confinanti. Seguono Basilicata (25%) e Sicilia (16,5%).

Save the Children evidenzia numeri crescenti anche nelle migrazioni sanitarie pediatriche dal Sud verso il Centro-Nord: l'indice di fuga, cioè il numero di pazienti pediatrici che vanno a farsi curare in una regione diversa da quella di residenza, nel 2020 si attesta in media all'8,7% a livello nazionale, con differenze territoriali che vanno dal 3,4% del Lazio al 43,4% del Molise, il 30,8% della Basilicata, il26,8% dell'Umbria e il 23,6% della Calabria. In particolare, un terzo dei bambini e degli adolescenti si mette in viaggio dal Sud per ricevere cure per disturbi mentali o neurologici, della nutrizione o del metabolismo nei centri specialistici convergendo principalmente a Roma, Genova e Firenze, sedi di Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico (Irccs) pediatrici".

Luca Bianchi rimarca:

"La necessità di incrementare le risorse complessivamente allocate alla sanità convive con la priorità di potenziare da subito le finalità di equità del Servizio sanitario nazionale. I dati del report offrono la fotografia preoccupante di un divario di cura che si traduce in minori aspettative di vita e più alti tassi di mortalità per le patologie più gravi nelle regioni del Mezzogiorno. La scelta, spesso obbligata, di emigrare per curarsi oltre ai costi individuali finisce per amplificare i divari nella capacità di spesa dei diversi sistemi regionali. Rafforzare la dimensione universale del Ssn è la strada per rendere effettivo il diritto costituzionale alla salute. Una direzione opposta a quella che invece si propone con l'autonomia differenziata, dalla quale deriverebbero ulteriori ampliamenti dei divari territoriali di salute e una conseguente crescita della mobilità di cura".

Interviene anche il presidente del Gimbe, Cartabellotta:

"Così si legittimerà frattura strutturale Sud-Nord, la fuga per curarsi vale già 4,25 mld di euro.L'autonomia differenziata in ambito sanitario aggrava le disuguaglianze interregionali.

La concessione di ulteriori forme di autonomia potrebbe determinare ulteriori capacità di spesa nelle Regioni ad autonomia rafforzata, finanziate dalle compartecipazioni legate al trasferimento di funzioni e, soprattutto, dall'eventuale extra-gettito derivante dalla maggiore crescita economica.

Tutto ciò, in un contesto in cui i Lea non hanno copertura finanziaria integrale a livello nazionale e 5 delle 8 Regioni del Mezzogiorno risultano inadempienti, determinerebbe una ulteriore differenziazione territoriale delle politiche pubbliche in ambito sanitario".

Quello che i numeri - come evidenziato dal report - fanno drammaticamente emergere è una frattura Nord-Sud: il meridione sarà sempre più dipendente dalla sanità del Nord, minando l'uguaglianza dei cittadini nell'esercizio del diritto costituzionale alla tutela della salute.

"I dati del report - aggiunge Anna Lisa Mandorino, segretaria generale di Cittadinanza attiva - restituiscono l'immagine di un Paese diviso a metà nell'accesso alle cure sanitarie.

In questo quadro, la riforma della autonomia differenziata, sulla quale si continua a ragionare, e per giunta con scarsissimo coinvolgimento dei cittadini, senza la definizione dei Lep, dà come unica certezza quella di amplificare questa frammentazione e di consegnarci un Paese ulteriormente diviso nella garanzia del diritto alla salute".

 

FONTE FOTO: Foto di fernando zhiminaicela da Pixabay e Foto diHerbert II TimtimdaPixabay

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Booble News!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

Sanità<br />&copy; Foto di fernando zhiminaicela da Pixabay Sanità © Foto di fernando zhiminaicela da Pixabay
Sanità<br />&copy; Foto diHerbert II TimtimdaPixabay Sanità © Foto diHerbert II TimtimdaPixabay

rank: 10124100

Territorio e Ambiente

Puglia, abrogata la legge regionale che affidava le dune costiere ai privati

In un periodo cruciale per il turismo e in concomitanza con le festività pasquali, arriva una notizia che rafforza l'immagine della Puglia come regione attenta alla tutela del proprio patrimonio naturale. La Presidente dell'Ordine dei Geologi della Puglia, Giovanna Amedei, ha annunciato con entusiasmo...

I numeri della 55a edizione di Agriumbria. Il mondo agricolo italiano si ritrova a Bastia Umbra

In attesa della conferenza stampa di Agriumbria, che si terrà giovedì 28 marzo, alle 11.30, presso l'Auditorium S. Angelo di Bastia Umbra, Umbriafiere anticipa i numeri e alcune delle novità dell'edizione numero 55, che si terrà dal 5 al 7 aprile. Agriumbria vedrà un parco espositori di oltre 450 stand...

Imago in Villa: sulle frequenze di Radio Rai Uno il concorso internazionale di Castelnuovo Val di Cecina

Mary Pop, il salotto radiofonico di Radio Rai Uno, in onda domani 16 marzo dalle 9.30 alle 10.00, dedicherà un approfondimento a Imago in Villa: primo concorso internazionale di pittura trompe l'oeil, ideato e promosso dall'associazione Centro Commerciale Naturale Vivi Castelnuovo, di Castelnuovo Val...

Napoli, terremoto ai Campi Flegrei

Una forte scossa di terremoto è stata registrata intorno alle 9 nell'area dei Campi Flegrei ed è stata avvertita anche in altre zone di Napoli, da Fuorigrotta al Vomero. 3.4 di magnitudo ad una profondità di 2.93 km secondo quanto riportato dall'Osservatorio Vesuviano. Anche a Napoli si è avvertito,...

Alto Adige, valanga a Racines: 1 morto e 2 feriti gravi

Tragedia in Alto Adige, dove una valanga si è staccata nel pomeriggio a Racines di Dentro, nei pressi della malga Wumblsalm, travolgendo tre persone. Il bilancio (al momento) è di un morto e due feriti gravi. Sono sul posto gli elicotteri sanitari d'emergenza Pelikan 2, Aiut Alpin e Pelikan 3, il Soccorso...

Booble News - Il giornale dalla Costa d'Amalfi

Abbiamo notato che stai usando uno strumento che blocca gli annunci pubblicitari.

La pubblicità ci permette di offrirti ogni giorno un servizio di qualità.

Per supportarci disattiva l'AdBlock che stai utilizzando.