Ultimo aggiornamento 5 giorni fa B. Vergine del Carmelo

Date rapide

Oggi: 16 luglio

Ieri: 15 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Booble News Costiera Amalfitana

Il giornale dalla Costa d'Amalfi

Booble News - Il giornale dalla Costa d'Amalfi Direttore responsabile: Manuela Nastri

Pasticceria Pansa, la dolcezza in piazza ad AmalfiHotel Santa Caterina Amalfi Caseificio "La Tramontina" - Prima Cotta, la Mozzarella di Bufala Campana fuori dal coro. Caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, Qualità

Tu sei qui: Storia e StorieLa buona scuola ed i suoi effetti collaterali

Frai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiPasticceria Pansa ad Amalfi la dolcezza dal 1830Maurizio Russo, liquorificio dal 1899 - Bu, le creme con latte di BufalaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoSupermercati Netto Maiori, Pagina ufficiale offerte Facebook

Storia e Storie

La buona scuola ed i suoi effetti collaterali

Inserito da (admin), giovedì 17 novembre 2016 11:07:28

di Farida Criseo Questa storia ha per protagonista un bambino di 6 anni che, per la prima volta, varca il cancello di una scuola elementare. La prima, indimenticabile, classe della scuola elementare. Il primo giorno di scuola lo accoglie, sorridente, una maestra d'esperienza, con ancora l'entusiasmo per un mestiere che, probabilmente, non durerà il tempo obbligatorio per quel bambino, un po' meno, tanto meno. I genitori non lo sanno bene, c'è chi dice due, chi, tre anni. E non lo sa bene nemmeno il bambino. La dirigente, si, lei lo sa. Comincia la scuola, la buona scuola, i bimbi arrivano con le loro cartelle, si fa l'accoglienza, ma l'insegnante, quella di matematica, non c'è. Compare il giorno dopo il primo giorno di scuola, del primo anno di scuola elementare. Viene da lontano, ha sempre fretta, corre su e giù a rincorrere treni. Si ammala. Il bambino, assieme ai suoi compagni, "viene diviso", ora nella classe del fratello maggiore, ora nella seconda elementare, dove ritrova alcuni amici della materna, fa amicizia con i bambini della terza elementare, poi, con quelli della quarta. Passa il tempo, la maestra d'esperienza e di impeto, pretende che qualcuno arrivi nella classe dei bambini transumanti. Arriva una maestra con un bel sorriso, ha un nome spagnoleggiante ed un accento che tradisce appartenenza ad un'altra regione. Ma non ha fretta, non deve rincorrere treni. I genitori si presentano, chiedono: "ma i numeri? le operazioni?". Lei sorride. "Non so quanto potrò restare, sono un'avente diritto e sulla mia testa incombono gli insegnanti che il ministero sta immettendo in ruolo". I genitori non capiscono, ma cominciano a sperare che la maestra con il nome spagnoleggiante, possa rimanere. Ma il destino si accanisce. La maestra d'esperienza viene chiamata per un intervento programmato. Questo evento coincide con una nuova transumanza. Giorni in cui il bambino, il primo mese della prima elementare, continua a fare amicizia con tutti i bambini di tutte le classi della sua scuola. La scuola diventa sempre meno sua e i bambini transumanti cominciano a pensare che era meglio prima: alla materna, dai nonni, chiusi in casa a guardare i cartoni. Ma che il primo giorno, il primo mese, del primo anno di scuola elementare porterà il ricordo di un corridoio in cui venivano "divisi". Qualcuno, poi, dirà loro che tutto quello successo nel primo mese, del primo anno di scuola elementare, la loro transumanza, insomma, si chiamava: la "buona scuola".

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Booble News!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

rank: 10781100

Storia e Storie

Eredità Agnelli, Margherita 'contro' i 3 figli Elkann

di Norman di Lieto Uno dei film diretti da quel genio del cinema che è stato Mario Monicelli, correva l'anno 1992, si intitolava, "Parenti serpenti" e sembra davvero sia quello che sta accadendo nella saga per l'Eredità Agnelli, dove una madre, Margherita, attacca di continuo i 3 figli avuti dallo scrittore...

Torino, oggi i funerali di Vittorio Emanuele di Savoia

In una Torino, piovosissima, si è celebrato l'ultimo saluto a Vittorio Emanuele di Savoia, nel Duomo della Città, con una sfilata di reali accorsi nel capoluogo piemontese. Vittorio Emanuele di Savoia, nato a Napoli, ha scelto Torino come ultimo saluto: riposerà a Superga. Il figlio, Emanuele Filiberto:...

Foibe, Meloni a Basovizza: "Italia onora memoria di chi ne fu vittima"

La presidente del Consiglio, Giorgia Meloni si è recata a Basovizza, nel monumento simbolo delle foibe sul Carso triestino, in una giornata, quella del 10 febbraio, che è il: "Giorno del Ricordo" con la premier che è tornata nel sacrario e per la prima volta da un governo da lei guidato. "Siamo qui a...

Ginevra, è morto a 86 anni Vittorio Emanuele di Savoia

"È morto stamane alle 7.05 Sua Altezza Reale Vittorio Emanuele, Duca di Savoia e Principe di Napoli, circondato dalla Sua famiglia, si è serenamente spento in Ginevra". Questa la prima nota giunta da Casa Savoia: "Luogo e data delle esequie saranno comunicati appena possibile". Il principe Vittorio Emanuele...

Giorno della Memoria, Meloni: "Con Shoah umanità ha toccato suo abisso"

Dopo che per la ricorrenza di oggi, 27 gennaio, nel Giorno della Memoria, con le parole del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ecco anche il discorso della presidente del Consiglio, Giorgia Meloni: "Il 27 gennaio di 79 anni fa, con l'abbattimento dei cancelli di Auschwitz, il mondo ha visto...