Booble News - Il giornale dalla Costa d'Amalfi

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Booble News - Il giornale dalla Costa d'Amalfi

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

Ultimo aggiornamento 1 giorno fa S. Corinna

Date rapide

Oggi: 24 maggio

Ieri: 23 maggio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Booble News Costiera Amalfitana

Il giornale dalla Costa d'Amalfi

Booble News - Il giornale dalla Costa d'Amalfi Direttore responsabile: Manuela Nastri

Pasticceria Pansa, la dolcezza in piazza ad AmalfiHotel Santa Caterina Amalfi Caseificio "La Tramontina" - Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, Qualità

Tu sei qui: SportNitto Atp Finals, Djokovic contro il giovanissimo Rune è la metafora della vita

Frai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiPasticceria Pansa ad Amalfi la dolcezza dal 1830Maurizio Russo, liquorificio dal 1899 - Bu, le creme con latte di BufalaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoSupermercati Netto Maiori, Pagina ufficiale offerte Facebook

Sport

tennis, torino, nizzo, atp finals, djokovic, rune, serbia, danimarca

Nitto Atp Finals, Djokovic contro il giovanissimo Rune è la metafora della vita

Innamorarsi del tennis a Torino: la sfida tra il tennista serbo di 36 anni e il 'piccolo' danese di soli 20 anni ci può insegnare molto

Inserito da (Redazione Nazionale), lunedì 13 novembre 2023 21:25:09

di Norman di Lieto

A Torino, ci sono gli 8 giocatori più forti del mondo: e sono tutti lì a giocarsela.

Sfidandosi l'uno contro l'altro.

Da una parte nel girone green il numero 1 al mondo, Novak Djokovic se la vedrà con il ‘padrone di casa' Sinner, con Tsitsipas e Rune.

Nel girone rosso, lo spagnolo Alcaraz e il ‘trio delle V finali': Medvedev, Rublev, Zverev.

La prima giornata di apertura non volevo proprio perdermela e dopo aver visto regolare abbastanza velocemente da Sinner - idolo di casa - l'avversario Tsitsipas, ho deciso di guardarmi anche il doppio che vedeva però un palazzetto per certi versi a dir poco spopolato, rispetto alla partita tra i 'singoli'.

Il pezzo forte, il più atteso, era il debutto del numero 1 al mondo contro il giovane danese Rune, allenato 'nientepopodimeno' da Boris Becker.

Tutti ‘coccolati' da una città, Torino, che dalle olimpiadi invernali del 2006 non rivedevo così elettrica per un evento sportivo, anche se l'evento Nitto Atp c'è stato anche l'anno scorso e ci sarà anche l'anno prossimo, fino al 2025.

Per la partita delle 21.00 della prima giornata di calendario non c'è posto neppure per uno spillo, il re Djokovic arriva come numero 1 del mondo ed è desideroso della vittoria.

Di fronte a lui un ragazzo danese di vent'anni sfrontato e con quell'incoscienza tipica dei vent'anni che regala scambi forsennatamente prolungati con il re, con gli applausi che lo stesso Novak gli dedica quando piazza giocate da urlo, sembra proprio di vedere affrontarsi due giocatori molto simil seppur divisi dall'età anagrafica e dalla carriera.

E l'impressione di questa similitudine nel modo di giocare dei due avversari, sarà presto confermata dallo stesso Djokovic che nell'intervista post gara - dopo aver ‘piegato' non senza fatica e al meglio dei 3 set il ragazzino terribile - lo definisce come "un avversario con cui gli sembra di giocare allo specchio" per quanto sono simili.

Come detto, Rune se l'è giocata - e bene - contro il re, perdendo due set a uno.

Per ora, è ancora lui, Djokovic, il numero 1 e se la giocherà per qualche anno ancora. Giovani permettendo.

Sì, perché la metafora di questa partita è stata un pò quella della vita ed è stato emozionante viverla all'interno di uno sport gentile e di tradizione come il tennis.

Djokovic ha regalato carezze al ‘piccolo' Rune durante l'intervista post gara:

"Lo ringrazio per avermi permesso di vincere questa partita" e ammettendo, candidamente, che per lui questi saranno gli ultimi anni di carriera in cui lui proverà a raccogliere il maggior numero di successi e che il futuro è tutto di questo ventenne sfrontato con il cappellino tirato indietro che tira certe legnate che a vederlo uscire dagli spogliatoi prima del match ti crea quasi un effetto distopico.

Ma torniamo alla metafora della vita: da una parte chi con sacrifici è arrivato al successo, numero 1 al mondo dando voce e seguito, reale, ai suoi sogni da bambino entrando nella storia del tennis, diventando il più vincente nella storia di questo sport. Mica poco.

Ma il tempo è inesorabile fa tic tac, non aspetta, non attende e mentre quello se ne va c'è una generazione affamata, vogliosa, pronta a sfidarti per provare a portarti via quel successo.

In una partita, in più partite, con un altro giovane che proverà nuovamente a togliere lo scettro al vecchio re.

Quindi, ad ogni numero 1, lo aspetta al varco un Rune. Determinatissimo.

L'umiltà del vincente, del re, sta nell'accettare lo ‘scorrere' del tempo ed affrontarlo senza guardare al passato ma rimanendo centrato nel presente, pensando alle sfide che lo attendono, step by step.

C'è stato un momento magico, quasi catartico quando in uno scambio tra le due generazioni del tennis, il tempo sembrava sospeso: a spezzare l'incantesimo un piccolo cortocircuito che ha costretto arbitro a fermare il gioco e ad annullare quella magia come se non fosse mai avvenuta.

Apriti cielo, mugugni del pubblico, proteste di Djokovic e dello stesso Rune: la magia non si può e non si dovrebbe mai cancellare.

La verità è che se non ci fosse stata quella 'maledetta' interruzione, più gli scambi continuavano e più si era completamente immersi nella magia del tennis e di quello che sembrava (ci) volesse comunicare.

Se l'arbitro non avesse fermato quello scambio celestiale non avremmo mai capito chi dei due avrebbe potuto realizzare il punto vincente, per bravura propria o per l'errore dell'avversario.

Ma non importa, anche se quello stop inopportuno è riuscito a spegnere anche un pò dei sogni di ognuno di noi.

Ma che cosa sembrava che si dicessero i tennisti in campo mentre gli scambi tra i due si facevano sempre più bellicosi, lunghi e deliziosi allo stesso tempo?

Mi sono immaginato durante quel silenzio quasi irreale che ti mantiene sospeso nel vuoto mentre la pallina lascia ogni volta tra sé e il rettangolo di gioco uno spazio sottilissimo insieme ad un suono continuo delle racchette in volo continuo, messaggi diversi, da consegnare con una certa urgenza, dall'altra parte della rete.

Rune ogni volta che serviva e inanellava diversi ace, sembrava voler dire:

"Tu sei il re, ma io a 20 anni posso darti già dei grattacapi, stai a vedere".

E non poteva essere diverso se chi lo allena, è quel Boris Becker che vinse Wimbledon a 17 anni diventando il più giovane tennista a vincerlo, ripetendosi l'anno dopo e non avendo mai avuto nessun timore reverenziale nei confronti dei mostri sacri del tempo.

Quel Becker che dopo il successo sportivo ha avuto varie vicissitudini personali e che ogni volta che il suo 'ragazzo' metteva a segno un punto vincente, gli chiedeva di respirare, di stare calmo.

"Ragazzo, sfrontato sì, ma centrato, sul pezzo".

Poi noi, intanto si stava seduti a gustarci, non necessariamente in quest'ordine: servizi, scambi ripetuti e continui con colpi di classe del giovanissimo Rune, a cui lo stesso Djokovic applaudiva quando andavano a segno.

"Ehi, re, hai visto che sono forte? Fammi spazio, è il mio tempo, ho voglia di mangiarmi il futuro".

Nella partita e nella sua dinamica c'è tutta la risposta di Djokovic: fatica a vincere il primo set solo al tie break, 7-6; perde il secondo sempre sul filo e sempre al tie break, sempre per 7-6; ma poi al terzo decide di regolare la disputa con la tranquillità e l'esperienza, quella stessa tranquillità che il giovanissimo Rune perde, affondando così inesorabilmente nella morsa del re.

"Ragazzo, è già questo il tuo tempo, mi hai dato filo da torcere, ma di strada da fare ne hai ancora tanta, io sono ancora qui e non sarà facile farmi uscire dal campo a suon di colpi, a volte troppo nervosi e che vanno, giocoforza alle stelle. Riprova, la strada è giusta, continua a lavorare e, soprattutto a crederci".

La foga del giovane che vuole tutto e subito ma che ne ha ancora di strada da fare, anche se essere a 20 anni tra i primi 8 al mondo, qualcosa vorrà pur dire, senza dimenticare il fatto che il redivivo Becker ti abbia scelto come suo allievo da 'plasmare', assumendo così, connotati ancor più speciali alla tua carriera da professionista.

Le carezze post gara di Djokovic per il giovane Rune dicono esplicitamente quello che la racchetta implicitamente ci aveva fatto capire quando, come detto, tutti noi, estasiati e silenti sugli spalti, ascoltavamo incantati il suono dei colpi che i due si davano senza remore: chi in maniera più saggia e pacata e chi con più foga e sfrontatezza.

E che suona più o meno così:

"Se la vita fosse come il tennis, stai tranquillo Rune che c'è posto per tutti. Basta saper attendere, lavorare e crederci."

Grazie tennis per questa (ulteriore) lezione di vita.

W il tennis!

Intanto, lui, Djokovic, con la vittoria di ieri, è per l'ottava volta numero 1 al mondo, confermandosi tale, fino alla fine del 2023.

Dal 2024 si (ri)vedrà.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Booble News!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

Tabellone Pala Alpitour Torino serata inaugurale Nitto Atp Finals<br />&copy; Norman di Lieto Tabellone Pala Alpitour Torino serata inaugurale Nitto Atp Finals © Norman di Lieto
Novak Djokovic<br />&copy; Norman di Lieto Novak Djokovic © Norman di Lieto

rank: 10056102

Sport

Oltre 50 piloti ai nastri di partenza della XXXII Coppa della Primavera di Aci Salerno

Sono 53 gli iscritti ad una tra le più evocative gare del Mezzogiorno, lo Slalom di auto organizzato dall'Automobile Club Salerno per sabato 20 e domenica 21 aprile 2024. Anche quest'anno la Coppa Primavera, giunta alla XXXII edizione, schiererà importanti team ai nastri di partenza e tanti singoli piloti....

Dubai, Jasmine Paolini vince il WTA 1000. Garbin: "Gioia pura"

Se si possa chiamare effetto Sinner forse è ingiusto, o semplicemente riduttivo: ma lo stato di salute del tennis italiano è trasversale. A Dubai, la tennista toscana Jasmine Paolini ha vinto ieri il primo master 1000, con l'allenatrice Tathiana Garbin: "E' stata pura gioia, ho festeggiato insieme a...

Tennis, Sinner vince il torneo di Rotterdam

Sinner ha vinto la finale e si aggiudica il torneo di Rotterdam, regolando in due set Alex De Minaur per la settima volta su sette incontri, nella finale del'Atp 500 nella città olandese, e si aggiudica il torneo diventando già da lunedì numero 3 del mondo. Sinner, così, dopo il successo agli Australian...

Rotterdam, Sinner va in finale e diventa numero 3 al mondo

Sinner conquista la finale del torneo di Rotterdam ma anche la 'certezza' di essere salito sul terzo gradino del podio, quello del ranking mondiale. Non male per il tennista azzurro che vuole continuare a scalare posizioni per abbracciare quel sogno che non aveva paura di dire sin da bambino: "Il mio...

Mondiali nuoto a Doha, Quadarella vince gli 800 sl ed entra nella storia

Simona Quadarella nella storia: oggi ai mondiali di nuoto a Doha vince gli 800 sl ai mondiali di Doha in 8'17"44 e si prende la seconda carta olimpica dopo il successo e il pass nei 1500. Dopo il primo oro italiano della storia negli 800 stile libero di Novella Calligaris nel 1973, 51 anni dopo l'Italia...

Booble News - Il giornale dalla Costa d'Amalfi

Abbiamo notato che stai usando uno strumento che blocca gli annunci pubblicitari.

La pubblicità ci permette di offrirti ogni giorno un servizio di qualità.

Per supportarci disattiva l'AdBlock che stai utilizzando.