Ultimo aggiornamento 3 giorni fa S. Francesco Solano

Date rapide

Oggi: 14 luglio

Ieri: 13 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Booble News Costiera Amalfitana

Il giornale dalla Costa d'Amalfi

Booble News - Il giornale dalla Costa d'Amalfi Direttore responsabile: Manuela Nastri

Pasticceria Pansa, la dolcezza in piazza ad AmalfiHotel Santa Caterina Amalfi Caseificio "La Tramontina" - Prima Cotta, la Mozzarella di Bufala Campana fuori dal coro. Caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, Qualità

Tu sei qui: PoliticaSalario minimo, 60 giorni di tempo passando dal Cnel. Meloni: "No a risposte semplici per problema complesso"

Frai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiPasticceria Pansa ad Amalfi la dolcezza dal 1830Maurizio Russo, liquorificio dal 1899 - Bu, le creme con latte di BufalaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoSupermercati Netto Maiori, Pagina ufficiale offerte Facebook

Politica

salario minimo, contrattazione nazionale, cnel, meloni, governo, opposizioni

Salario minimo, 60 giorni di tempo passando dal Cnel. Meloni: "No a risposte semplici per problema complesso"

Il Cnel è stato indicato dalla presidente del Consiglio come la sede più appropriata per studiare un intervento condiviso di contrasto al lavoro povero e ai bassi salari. Calenda: "Per la prima volta governo e opposizioni si parlano"

Inserito da (Redazione Nazionale), venerdì 11 agosto 2023 22:05:53

di Norman di Lieto

Da registrare con soddisfazione, come ha dichiarato anche lo stesso Carlo Calenda di Azione, c'è che la volontà di mettersi al tavolo per parlare di salario minimo (finalmente) ci sia stata.

Non tutti hanno avuto una lettura così ottimistica della giornata di oggi, dedicata proprio all'incontro governo-opposizioni sul salario minimo: l'opposizione parla di tentativo di mandare la 'palla in tribuna' da parte dell'esecutivo e con lo stesso che con Tajani accusa proprio le opposizioni di "eccessiva rigidità e negatività".

Il Cnel è stato indicato dalla presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, come la sede più appropriata per studiare un intervento condiviso di contrasto al lavoro povero e ai bassi salari, proprio nel luogo dove sono depositati i contratti collettivi e sono rappresentate le parti sociali, come soggetto facilitatore.

Una memoria presentata da Brunetta alla commissione Lavoro della Camera ha avanzato otto proposte:

1. La necessità di un profondo e significativo coinvolgimento e confronto con le parti sociali,

2. Non limitarsi all'alternativa salario minimo per legge sì o no, ma affrontare, a monte, i problemi che ostacolano la crescita dei salari dei lavoratori, tra cui i ritardi nei rinnovi contrattuali aggravati dalla crescita del costo della vita e dall'elevato cuneo fiscale, dall'impatto della precarietà, del part-time involontario e del "lavoro povero".

3. Affrontare il nodo della bassa produttività.

4. Intervenire sul dumping contrattuale che rischia di impattare negativamente sulla qualità della contrattazione collettiva.

5. Contro i contratti pirata, far riferimento al trattamento economico come determinato dal Ccnl di riferimento.

6. Intervenire sui bassi salari dal lato della riforma fiscale.

7. Favorire un pieno sviluppo a tutti i livelli della contrattazione, al fine di rispondere in maniera strutturale, con soluzioni di medio e lungo periodo, alle criticità presentate.

8. Indicare il Cnel come sede del National Productivity Board per l'Italia, previsto da una raccomandazione della Ue.

Intanto Meloni nell'incontro di oggi con le opposizioni sul salario minimo aveva iniziato proprio ribadendo le sue perplessità sullo strumento del salario minimo che - a suo modo di vedere - può diventare davvero "controproducente".

Meloni - come detto - lancia la sua proposta: 'palla' al Cnel con tutte le analisi, dati alla mano. E poi trovare insieme la via più interessante e "condivisa" da perseguire.

Con l'obiettivo di "rafforzare i salari, combattere il lavoro povero. Sono questioni che ci interessano", spiega la premier annunciando che la prossima legge di Bilancio sarà tutta concentrata "su famiglie e lavoro".

Ci sono anche le questioni "dei contratti pirata, della precarietà, dei lavoratori esclusi dalle tutele", aggiunge. Spiegando che è stato "un segnale di attenzione e di rispetto" non presentare una proposta prendere o lasciare - "non ricordo di essere mai stata convocata dal premier per una proposta fatta in Parlamento quando ero all'opposizione", rimarca.

Per le opposizioni, però, è il segno che "il governo non ha le idee chiare", dice Elly Schlein.

Della stessa opinione Giuseppe Conte: il governo, dice il leader M5S, "butta la palla in tribuna" perché, incalza anche Nicola Fratoianni, in realtà "non hanno una proposta alternativa".

Intanto si andrà in vacanza, chissà se porteranno consiglio.

Nel dibattito sul salario minimo, quello che non torna, è il ruolo della contrattazione nazionale.

Ci sono giuslavoristi, come Tiraboschi che pensano che adottando un salario minimo legale di legge, per esempio di 9€ all'ora, le aziende che non hanno sindacato al loro interno potrebbero sfilarsi dal contratto nazionale di riferimento (più oneroso) per 'agganciarsi' al salario minimo di legge.

Ma a quel punto non basterebbe affermare nella legge (qualora si introducesse il salario minimo) che le aziende che sono già coperte da contratto nazionale di riferimento dovranno adottare quello e non attaccarsi al salario minimo che diverrebbe 'ancora' di salvataggio contro i contratti pirata e contro chi non avrebbe appigli di contrattazione nazionale cui - appunto - appigliarsi.

 

Fonte foto: pagina Facebook Giorgia Meloni e pagina Facebook Giuseppe Conte

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Booble News!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

rank: 10027102

Politica

Regionali Sardegna, rischio riconteggio dei voti

di Norman di Lieto Lo scarto era stato molto ridotto, ma Todde aveva vinto, la candidata 5Stelle e Pd, dopo un lungo testa a testa contro il suo avversario sostenuto dalla coalizione di centro destra Truzzu, fermo al 45%; si era presa la guida della Sardegna subentrando a Solinas che la Lega di Salvini...

Cariche sugli studenti, ministro Piantedosi: "Polizia ha agito per proteggersi"

L'informativa alla Camera e al Senato di oggi ha visto il ministro dell'Interno, Piantedosi, difendere le forze dell'ordine dopo i fatti di Pisa e Firenze, con gli studenti caricati a colpi di manganello dagli agenti in servizio durante le manifestazioni pro Palestina. Su quegli episodi era intervenuto...

Forza Italia, Antonio Tajani primo segretario nell'era post Berlusconi

di Norman di Lieto Sin dalla sua fondazione, Forza Italia è stata Silvio Berlusconi: eppure, con il Cavaliere ancora in vita, i tentativi di trovare una figura che prendesse le redini del partito ci sono stati. I nomi più importanti che ci hanno provato sono quelli di Angelino Alfano e di Giovanni Toti...

Kiev, arriva il G7 a guida italiana. Meloni: "Sostegno all'Ucraina fino a quando sarà necessario"

La premier Giorgia Meloni porta il G7 a Kiev ribadendo - ancora una volta - il sostegno dell'Occidente all'Ucraina a due anni dall'inizio del conflitto tra Kiev e Mosca. La presidente del Consiglio italiano - che è pronta a guidare la prima riunione dei 7 grandi a guida italiana - ribadisce il sostegno...

Cariche polizia su studenti, Mattarella: "Autorevolezza Forze dell'Ordine non si misura sui manganelli"

di Norman di Lieto Non si placano le schermaglie politiche dopo le 'manganellate' della polizia agli studenti durante le manifestazioni pro Palestina a Pisa e Firenze. È intervenuto su questi avvenimenti anche il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella che in una nota diffusa dal Quirinale ha...