Ultimo aggiornamento 3 giorni fa S. Francesco Solano

Date rapide

Oggi: 14 luglio

Ieri: 13 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Booble News Costiera Amalfitana

Il giornale dalla Costa d'Amalfi

Booble News - Il giornale dalla Costa d'Amalfi Direttore responsabile: Manuela Nastri

Pasticceria Pansa, la dolcezza in piazza ad AmalfiHotel Santa Caterina Amalfi Caseificio "La Tramontina" - Prima Cotta, la Mozzarella di Bufala Campana fuori dal coro. Caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, Qualità

Tu sei qui: PoliticaPalermo, commemorazione a 31 anni dalla strage di Via D'Amelio. Mattarella: "Combattere zone grigie"

Frai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiPasticceria Pansa ad Amalfi la dolcezza dal 1830Maurizio Russo, liquorificio dal 1899 - Bu, le creme con latte di BufalaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoSupermercati Netto Maiori, Pagina ufficiale offerte Facebook

Politica

palermo, strage, via d'amelio, borsellino, giudice, scorta, agenti, bomba

Palermo, commemorazione a 31 anni dalla strage di Via D'Amelio. Mattarella: "Combattere zone grigie"

Oggi si sono tenute le celebrazioni a Palermo in ricordo di Paolo Borsellino e della sua scorta, sotto l'egida delle parole del capo dello Stato

Inserito da (Redazione Nazionale), mercoledì 19 luglio 2023 21:58:23

di Norman di Lieto

E sono trascorsi 31 anni da quell'esplosione in via D'Amelio a Palermo quando il magistrato Paolo Borsellino - già provato per la morte dell'amico fraterno e collega Giovanni Falcone - come ogni domenica si stava recando a pranzo dalla madre.

Un'esplosione proveniente da un'auto parcheggiata lì vicino uccise il magistrato simbolo della lotta alla mafia insieme a Agostino Catalano, Emanuela Loi (prima donna a far parte di una scorta e anche prima donna della Polizia di Stato a cadere in servizio), Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina.

L'unico a salvarsi dalla strage fu l'agente Antonino Vullo, che al momento dell'esplosione stava parcheggiando una delle auto della scorta (ricorda un pò il miracolo dell'autista di Giovanni Falcone che in auto con il magistrato e la moglie Francesca Morvillo si salvò miracolosamente dall'attentato di Capaci).

Oggi si sono tenute le celebrazioni a Palermo in ricordo di Paolo Borsellino e della sua scorta, sotto l'egida delle parole del capo dello Stato.

Manfredi Borsellino, figlio del magistrato, ha partecipato alla cerimonia nella caserma Lungaro donando alla premier Giorgia Meloni - che aveva deposto una corona sulla lapide dedicata ai poliziotti uccisi - un ritratto del padre, ringraziandola per la presenza. Salvatore, fratello di Paolo, ha parlato in via D'Amelio assicurando: "Mai nessuna delle personalità salirà su questo palco".

Lucia e Fiammetta, le due figlie del giudice, non erano a Palermo.

Ma al di là dei toni, la tensione tanto temuta alla vigilia non c'è stata: Giorgia Meloni e la segretaria del Pd Elly Schlein, entrambe in città, non si sono incrociate.

Il primo dei due cortei, quello con lo slogan 'Basta Stato-Mafia' organizzato dalla Cgil e dalle Agende rosse assieme a una ventina di altre associazioni e movimenti di sinistra, si è svolto senza alcun problema. E in serata la tradizionale fiaccolata della destra fino al luogo dell'attentato è stato il sigillo a questo 31esimo anniversario.

Ad aprirlo, in mattinata, sono state le parole nette del Capo dello Stato Sergio Mattarella:

"La Repubblica si inchina alla memoria di PaoloBorsellino, magistrato di straordinario valore e coraggio, e degli agenti della sua scorta. Il loro esempio - riflette il presidente della Repubblica citando anche Giovanni Falcone - ci invita a vincere l'indifferenza, a combattere le zone grigie della complicità con la stessa fermezza con cui si contrasta l'illegalità, a costruire solidarietà e cultura dove invece le mafie puntano a instillare paura".

Niente fiaccolata serale e solo l'ufficialità per la premier, con l'obiettivo di non creare altre polemiche dopo quelle della vigilia.

Meloni che dopo avere deposto la corona in caserma ha visitato le tombe di Borsellino e Falcone e poi ha presieduto il Comitato per l'ordine e la sicurezza, alla presenza del ministro dell'Interno Matteo Piantedosi.

"Siamo convinti che la battaglia contro la mafia si possa vincere - ha affermato - Lo Stato ha inferto in questi mesi colpi importantissimi contro la criminalità organizzata.
Continuo a fare il mio lavoro con le persone che in buona fede ce la mettono tutta per cercare di fare vincere lo Stato. E non mi pare che ci sia stata alcuna forma di allentamento in tema di lotta alla criminalità organizzata, anzi", ha aggiunto.

 

Fonte foto: pagina Facebook Giorgia Meloni e pagina Facebook Elly Schlein

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Booble News!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

rank: 10046104

Politica

Regionali Sardegna, rischio riconteggio dei voti

di Norman di Lieto Lo scarto era stato molto ridotto, ma Todde aveva vinto, la candidata 5Stelle e Pd, dopo un lungo testa a testa contro il suo avversario sostenuto dalla coalizione di centro destra Truzzu, fermo al 45%; si era presa la guida della Sardegna subentrando a Solinas che la Lega di Salvini...

Cariche sugli studenti, ministro Piantedosi: "Polizia ha agito per proteggersi"

L'informativa alla Camera e al Senato di oggi ha visto il ministro dell'Interno, Piantedosi, difendere le forze dell'ordine dopo i fatti di Pisa e Firenze, con gli studenti caricati a colpi di manganello dagli agenti in servizio durante le manifestazioni pro Palestina. Su quegli episodi era intervenuto...

Forza Italia, Antonio Tajani primo segretario nell'era post Berlusconi

di Norman di Lieto Sin dalla sua fondazione, Forza Italia è stata Silvio Berlusconi: eppure, con il Cavaliere ancora in vita, i tentativi di trovare una figura che prendesse le redini del partito ci sono stati. I nomi più importanti che ci hanno provato sono quelli di Angelino Alfano e di Giovanni Toti...

Kiev, arriva il G7 a guida italiana. Meloni: "Sostegno all'Ucraina fino a quando sarà necessario"

La premier Giorgia Meloni porta il G7 a Kiev ribadendo - ancora una volta - il sostegno dell'Occidente all'Ucraina a due anni dall'inizio del conflitto tra Kiev e Mosca. La presidente del Consiglio italiano - che è pronta a guidare la prima riunione dei 7 grandi a guida italiana - ribadisce il sostegno...

Cariche polizia su studenti, Mattarella: "Autorevolezza Forze dell'Ordine non si misura sui manganelli"

di Norman di Lieto Non si placano le schermaglie politiche dopo le 'manganellate' della polizia agli studenti durante le manifestazioni pro Palestina a Pisa e Firenze. È intervenuto su questi avvenimenti anche il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella che in una nota diffusa dal Quirinale ha...