Ultimo aggiornamento 3 giorni fa S. Aurelio vescovo

Date rapide

Oggi: 20 luglio

Ieri: 19 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Booble News Costiera Amalfitana

Il giornale dalla Costa d'Amalfi

Booble News - Il giornale dalla Costa d'Amalfi Direttore responsabile: Manuela Nastri

Pasticceria Pansa, la dolcezza in piazza ad AmalfiHotel Santa Caterina Amalfi Caseificio "La Tramontina" - Prima Cotta, la Mozzarella di Bufala Campana fuori dal coro. Caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, Qualità

Tu sei qui: PoliticaMosca e Pechino: "Palestina deve avere uno Stato"

Frai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiPasticceria Pansa ad Amalfi la dolcezza dal 1830Maurizio Russo, liquorificio dal 1899 - Bu, le creme con latte di BufalaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoSupermercati Netto Maiori, Pagina ufficiale offerte Facebook

Politica

mosca, pechino, putin, xi jinping, palestina, israele, hamas

Mosca e Pechino: "Palestina deve avere uno Stato"

Nella fase drammatica dello scontro con Israele, Putin e Xi prendono una posizione comune

Inserito da (Redazione Nazionale), venerdì 13 ottobre 2023 22:28:56

La premessa è doverosa: c'è ferma condanna nei confronti dell'attacco terroristico di Hamas nei confronti di Israele ma Mosca e Pechino, insieme, avvertono: 'Palestinesi devono avere uno Stato'.

È urgente mettere fine a "un'ingiustizia" che è alla base delle violenze nella regione, avverte Pechino. La stessa posizione espressa a più riprese negli ultimi giorni dal presidente russo Vladimir Putin, che mette in guardia da un'offensiva di terra israeliana nella Striscia di Gaza che porterebbe a perdite civili "inaccettabili".

C'è il mondo che si sta spaccando, letteralmente.

Iran, Arabia Saudita, Libano sono con la Palestina e, oggi, arriva anche la presa di posizione, netta, di Mosca e Pechino secondo cui è stato proprio il conflitto tra Hamas e Israele a dimostrare che la via "per risolvere la questione palestinese sta nel riprendere i colloqui di pace autentici il più presto possibile e nel realizzare i diritti legittimi della nazione palestinese", risolvendo così "un'ingiustizia", ha detto il ministro degli Esteri cinese, Wang Yi, ricevendo a Pechino l'Alto rappresentante per la politica estera della Ue, Josep Borrell.

"La Cina invita a dare prova di moderazione, ad allentare le tensioni quanto prima e a prevenire un'espansione del conflitto; è prioritario garantire la sicurezza dei civili e gli aiuti per evitare una grave crisi umanitaria a Gaza".

Putin ammette che Israele ha subito un attacco "senza precedenti, non solo per dimensioni ma anche per il grado di brutalità", e riconosce "il diritto a difendersi" dello Stato ebraico.

Ma Putin, come la diplomazia cinese, torna quindi ad affermare che solo la soluzione a Due Stati, sancita dalle Nazioni Unite e appoggiata ufficialmente dagli Usa e dalla Ue, potrà portare a una vera pace.

Mosca accusa gli Usa per l'impossibilità alla la soluzione diplomatica, portando la situazione "in un vicolo cieco" facendo fallire i tentativi di mediazione dal Quartetto, il gruppo formato da Nazioni Unite, Russia, Ue e dagli stessi Stati Uniti. A questo punto la Russia si propone come mediatrice.

"Sì, possiamo farlo - ha assicurato Putin - perché abbiamo ottime relazioni con Israele da 15 anni e abbiamo rapporti tradizionali con la Palestina. Quindi nessuno ci può sospettare di volere prendere le parti di qualcuno".

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Booble News!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

Xi Jinping e Putin<br />&copy; Commons Wikimedia Xi Jinping e Putin © Commons Wikimedia

rank: 10065107

Politica

Regionali Sardegna, rischio riconteggio dei voti

di Norman di Lieto Lo scarto era stato molto ridotto, ma Todde aveva vinto, la candidata 5Stelle e Pd, dopo un lungo testa a testa contro il suo avversario sostenuto dalla coalizione di centro destra Truzzu, fermo al 45%; si era presa la guida della Sardegna subentrando a Solinas che la Lega di Salvini...

Cariche sugli studenti, ministro Piantedosi: "Polizia ha agito per proteggersi"

L'informativa alla Camera e al Senato di oggi ha visto il ministro dell'Interno, Piantedosi, difendere le forze dell'ordine dopo i fatti di Pisa e Firenze, con gli studenti caricati a colpi di manganello dagli agenti in servizio durante le manifestazioni pro Palestina. Su quegli episodi era intervenuto...

Forza Italia, Antonio Tajani primo segretario nell'era post Berlusconi

di Norman di Lieto Sin dalla sua fondazione, Forza Italia è stata Silvio Berlusconi: eppure, con il Cavaliere ancora in vita, i tentativi di trovare una figura che prendesse le redini del partito ci sono stati. I nomi più importanti che ci hanno provato sono quelli di Angelino Alfano e di Giovanni Toti...

Kiev, arriva il G7 a guida italiana. Meloni: "Sostegno all'Ucraina fino a quando sarà necessario"

La premier Giorgia Meloni porta il G7 a Kiev ribadendo - ancora una volta - il sostegno dell'Occidente all'Ucraina a due anni dall'inizio del conflitto tra Kiev e Mosca. La presidente del Consiglio italiano - che è pronta a guidare la prima riunione dei 7 grandi a guida italiana - ribadisce il sostegno...

Cariche polizia su studenti, Mattarella: "Autorevolezza Forze dell'Ordine non si misura sui manganelli"

di Norman di Lieto Non si placano le schermaglie politiche dopo le 'manganellate' della polizia agli studenti durante le manifestazioni pro Palestina a Pisa e Firenze. È intervenuto su questi avvenimenti anche il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella che in una nota diffusa dal Quirinale ha...