Booble News - Il giornale dalla Costa d'Amalfi

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Booble News - Il giornale dalla Costa d'Amalfi

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

Ultimo aggiornamento 20 ore fa S. Giusto martire in Roma

Date rapide

Oggi: 28 febbraio

Ieri: 27 febbraio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Booble News Costiera Amalfitana

Il giornale dalla Costa d'Amalfi

Booble News - Il giornale dalla Costa d'Amalfi Direttore responsabile: Manuela Nastri

Pasticceria Pansa, la dolcezza in piazza ad AmalfiHotel Santa Caterina Amalfi  Prima Cotta, Caseificio "La Tramontina" - Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, Qualità

Tu sei qui: PoliticaAutonomia differenziata, primo sì al Senato

Frai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiPasticceria Pansa ad Amalfi la dolcezza dal 1830Maurizio Russo, liquorificio dal 1899 - Bu, le creme con latte di BufalaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoSupermercati Netto Maiori, Pagina ufficiale offerte Facebook

Politica

autonomia differenziata, maggioranza, opposizione, lega, fratelli d'italia, pd, movimento 5 stelle, salvini, calderoli, conte, schlein, de luca

Autonomia differenziata, primo sì al Senato

Le opposizioni protestano con tricolore mentre la Lega espone serenissima: primo importante passo con il via libera di Palazzo Madama ma lo scontro politico tra maggioranza e opposizione è al culmine

Inserito da (Redazione Nazionale), mercoledì 24 gennaio 2024 16:20:41

di Norman di Lieto

Il primo passaggio al Senato per l'Autonomia differenziata ha visto da una parte la ferma protesta delle opposizioni e, dall'altra, un clima di festeggiamenti - soprattutto dai banchi della Lega - dove si è sventolata festante la bandiera della Serenissima.

Il ddl Calderoli sin dai primi vagiti ha visto le opposizioni pensarne tutto il male possibile con la Lega, capofila di questo provvedimento in seno alla maggioranza, che l'ha sempre illustrata come una sorta di panacea di tutti i mali.

Abbiamo seguito il percorso del ddl Calderoli e ne abbiamo registrato tutte le perplessità soprattutto per il Sud: dalla fondazione Gimbe con il presidente Nino Cartabellotta che aveva sottolineato il rischio di aumentare il divario tra le strutture sanitarie in base alla regione d'appartenenza senza contare di quanti cittadini del Mezzogiorno fossero già 'pendolari della salute' scegliendo strutture presenti in regioni come Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna.

Sin dallo scorso anno, Svimez - l'associazione nata con lo scopo di promuovere lo studio delle condizioni economiche del Mezzogiorno d'Italia, al fine di proporre concreti programmi di azione e di opere intesi a creare e a sviluppare le attività industriali - aveva già bocciato su tutta la linea il progetto Autonomia che, ieri, ha avuto il primo via libera da Palazzo Madama.

Ieri, sulle colonne del Corriere del Mezzogiorno, proprio Luca Bianchi, direttore di Svimez, ha tratteggiato - insieme a Carmelo Petraglia, ricercatore dell'Università della Basilicata, tutte le obiezioni sull'Autonomia che non sono affatto ideologiche, partendo già dal presupposto che le 'ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia' sono aggiuntive rispetto alle competenze, già molto ampie, che i titolo V della Costituzione, riformato nel 2001, ha trasferito alle Regioni, e che hanno contribuito alla conflittualità istituzionale e alla frammentazione delle politiche pubbliche nazionali".

Il commento arrivava anche in merito a quanto scritto sullo stesso quotidiano da Sabino Cassese.

Riavvolgendo ancora il nastro, allo scorso marzo del 2023, era stato lo stesso ministro per gli affari regionali e le autonomie della Repubblica Italiana, Roberto Calderoli a difendere a spada tratta il ddl che porta il suo nome con un categorico: "Superiamo la centralità".

Il ddl Calderoli, come detto, vede capofila la Lega e sembra 'cozzare' con le idee politiche più 'centraliste' di Fratelli d'Italia, per questo le opposizioni provano ad attaccare questa sorta di nervo scoperto con quello che il capogruppo Pd, Francesco Boccia, definisce la resa della Meloni alla Lega, mentre per il presidente dei senatori leghisti Massimiliano Romeo è un "patto di maggioranza" di cui andare "fieri".

Palazzo Madama sul ddl Calderoli si è così espressa: 110 sì, 64 no e 3 astenuti con le opposizioni contro, maggioranza a favore e Azione astenuta con Maria stella Gelmini che vota a favore in dissenso dal gruppo.

Matteo Salvini, segretario della Lega, esulta:

"Il Senato ha approvato il ddl Autonomia: è un passo importante verso un Paese più moderno ed efficiente, nel rispetto della volontà popolare espressa col voto al centrodestra che lo aveva promesso nel programma elettorale, dai referendum di Lombardia e Veneto e dalle richieste dell'Emilia-Romagna e di altre regioni italiane. In questo momento mi sento di rivolgere un pensiero particolare a Bobo Maroni".

Il presidente del Movimento 5 Stelle non appena arriva il sì del Senato, scrive sui suoi profili social:

"Con il voto al Senato su uno scellerato progetto di Autonomia, Meloni spacca il Paese e svende il Sud a Salvini: lasciano in un vicolo cieco i territori più svantaggiati del Paese, anziché rilanciarli per il bene di tutti. Cade la maschera: non ci sarà nemmeno un centesimo per finanziare i servizi essenziali nei territori più fragili, visto che il progetto è vincolato all'austerità di bilancio. Rischiamo di avere 20 sistemi regionali in ordine sparso che danneggeranno anche il Nord, con imprese che dovranno fronteggiare un caos amministrativo. Si condannano tanti cittadini a sentirsi italiani di serie B, abbandonati a se stessi, con sanità e servizi essenziali al collasso. Noi non ci rassegniamo. La battaglia continua in Parlamento e continueremo a farla in tutte le sedi: nelle Istituzioni e nel Paese".

Non è da meno la segretaria del Pd, Elly Schlein:

"Noi ora proseguiremo la battaglia parlamentare alla Camera ma serve una mobilitazione con tutte le altre politiche e sociali innanzitutto per spiegare gli effetti devastanti dell'approvazione di questa riforma".

Viene chiesto poi alla segretaria se stia pensando alla raccolta firme per un referendum abrogativo:

"Intanto ci batteremo nel passaggio parlamentare ma non escludiamo alcuno strumento per bloccare questa riforma che spacca l'Italia.

La nazionalista Giorgia Meloni vuole passare alla storia per essere la presidente del Consiglio che ha spaccato l'Italia. E' una giornata molto pesante. Meloni avvera il sogno secessionista della Lega. Ha ceduto a questo orrendo baratto per fini politici, per la riforma del premierato che cancella la Repubblica parlamentare, mettendo a repentaglio l'unità nazionale".

Sul primo sì al Senato è arrivato anche il commento del presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca (già Piero De Luca, deputato Pd aveva bocciato la riforma):

"Siamo di fronte a un vero e proprio 'Controrisorgimento', che nega l'unità d'Italia e tradisce il Sud".

 

FONTE FOTO: pagina FB Roberto Calderoli (entrambe)

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Booble News!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

Roberto Calderoli e Matteo Salvini<br />&copy; pagina FB Roberto Calderoli Roberto Calderoli e Matteo Salvini © pagina FB Roberto Calderoli
Votazioni<br />&copy; pagina FB Roberto Calderoli Votazioni © pagina FB Roberto Calderoli

rank: 10193106

Politica

Forza Italia, Antonio Tajani primo segretario nell'era post Berlusconi

di Norman di Lieto Sin dalla sua fondazione, Forza Italia è stata Silvio Berlusconi: eppure, con il Cavaliere ancora in vita, i tentativi di trovare una figura che prendesse le redini del partito ci sono stati. I nomi più importanti che ci hanno provato sono quelli di Angelino Alfano e di Giovanni Toti...

Kiev, arriva il G7 a guida italiana. Meloni: "Sostegno all'Ucraina fino a quando sarà necessario"

La premier Giorgia Meloni porta il G7 a Kiev ribadendo - ancora una volta - il sostegno dell'Occidente all'Ucraina a due anni dall'inizio del conflitto tra Kiev e Mosca. La presidente del Consiglio italiano - che è pronta a guidare la prima riunione dei 7 grandi a guida italiana - ribadisce il sostegno...

Cariche polizia su studenti, Mattarella: "Autorevolezza Forze dell'Ordine non si misura sui manganelli"

di Norman di Lieto Non si placano le schermaglie politiche dopo le 'manganellate' della polizia agli studenti durante le manifestazioni pro Palestina a Pisa e Firenze. È intervenuto su questi avvenimenti anche il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella che in una nota diffusa dal Quirinale ha...

Roma, bruciato manichino con sembianze Meloni. Mattarella: "Piena solidarietà"

Il rogo di ieri sera a Roma durante il corteo per Valerio Verbano dove è stato incendiato un pupazzo in cartone raffigurante la premier Giorgia Meloni ha suscitato sdegno del mondo politico anche se è polemica per un post dell'assessore del Municipio III di Roma, Luca Blasi che ha 'lodato' il gesto....

Terzo mandato, maggioranza si spacca. Salvini: "Nessun problema"

di Norman di Lieto Il terzo mandato divide la maggioranza: uno dei 'manifesti politici' della Lega (loro l'emendamento Zaia) ha visto spaccarsi la maggioranza di centrodestra. Se da una parte, come detto, è il Carroccio a volerlo fortemente, dall'altra gli alleati sembrano decisamente più tiepidi: in...

Booble News - Il giornale dalla Costa d'Amalfi

Abbiamo notato che stai usando uno strumento che blocca gli annunci pubblicitari.

La pubblicità ci permette di offrirti ogni giorno un servizio di qualità.

Per supportarci disattiva l'AdBlock che stai utilizzando.