Ultimo aggiornamento 3 giorni fa S. Aurelio vescovo

Date rapide

Oggi: 20 luglio

Ieri: 19 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Booble News Costiera Amalfitana

Il giornale dalla Costa d'Amalfi

Booble News - Il giornale dalla Costa d'Amalfi Direttore responsabile: Manuela Nastri

Pasticceria Pansa, la dolcezza in piazza ad AmalfiHotel Santa Caterina Amalfi Caseificio "La Tramontina" - Prima Cotta, la Mozzarella di Bufala Campana fuori dal coro. Caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, Qualità

Tu sei qui: Lavoro e FormazioneScuola, Report Eurispes: "Docenti aggrediti e malpagati"

Frai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiPasticceria Pansa ad Amalfi la dolcezza dal 1830Maurizio Russo, liquorificio dal 1899 - Bu, le creme con latte di BufalaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoSupermercati Netto Maiori, Pagina ufficiale offerte Facebook

Lavoro e Formazione

scuola, docenti, aggressioni, studenti, genitori, eurispes, moige

Scuola, Report Eurispes: "Docenti aggrediti e malpagati"

Il Rapporto Eurispes sulla Scuola e l'Università, il secondo dopo vent'anni, è stato realizzato tramite tre indagini e 4.827 questionari compilati dai docenti.

Inserito da (Redazione Nazionale), giovedì 8 febbraio 2024 21:25:10

Dopo l'aggressione alla docente di Varese, con 3 coltellate che ha seguito anche quello che accadde sempre ad un'insegnante ad Abbiategrasso nel maggio dello scorso anno, le aggressioni e le minacce da parte di studenti e genitori, sono in preoccupante aumento.

Senza contare stipendi inadeguati e scarsi investimenti nell'istruzione: sono soltanto alcuni dei temi affrontati dal Rapporto Eurispes sulla Scuola e l'Università, il secondo dopo vent'anni, realizzato tramite tre indagini e 4.827 questionari compilati dai docenti.

Secondo il sondaggio, un insegnante su quattro, alle superiori, almeno una volta nel corso della propria carriera è stato aggredito da un alunno: il 25% dei professori della scuola secondaria di secondo grado che hanno risposto alla ricerca.

Gli atti violenti commessi in questi giorni nei confronti di docenti e presidi hanno raggiunto la frequenza di più di una volta a settimana: dall'inizio dell'anno sono, infatti, già 28.

Una violenza trasversale che vede come aggressori sia gli alunni che i famigliari.

Secondo il Rapporto almeno un docente su dieci nelle scuole primarie e secondarie ha subito aggressioni da parte dei genitori degli alunni e il 16% ha poi ricevuto in alcune occasioni minacce.

Un fenomeno diffuso anche alle superiori dove il 13% dei docenti ha subito atti di violenza da parte della famiglia del ragazzo. Al 15,2% è capitato poi di ricevere minacce sempre da parte dei genitori.

Secondo il ministro dell'Istruzione e del Merito Giuseppe Valditara:

"Dobbiamo ricostruire una grande alleanza fra famiglia e scuola. La volontà è quella di "responsabilizzare i genitori che non hanno ancora compreso che la scuola non è una controparte".

Oltre la metà degli insegnanti delle primarie e medie, come si legge nel Rapporto, ha sperimentato infatti ingerenze dei genitori nelle scelte relative ai metodi e ai contenuti dell'insegnamento. Il 49,1% si è sentito contestare i voti o i giudizi dai famigliari degli alunni.

A pesare sulla professione è poi anche il lato economico: si sa, in Italia, i docenti non prendono stipendi che fanno gola a chiunque (ma chi li prende?, ndr):

nove su dieci si dicono insoddisfatti dal punto di vista della retribuzione. Il dato si abbassa all'università, dove è il 65% dei professori a ritenere inadeguato lo stipendio.

Intanto il Moige - Movimento Italiano Genitori chiede maggior cooperazione e il rinnovo del patto di corresponsabilità educativa tra scuola, famiglia e mondo delle associazioni.

Secondo Antonio Affinita, Direttore Generale del Moige:

''Dal ministro Valditara parole di speranza per la ricostruzione di una relazione tra scuola e famiglia, che metta al centro il benessere, la crescita equilibrata e la corresponsabilità educativa dei nostri figli.

Ci auguriamo vivamente che la scuola torni ad essere il luogo ideale per vincere la sfida educativa, anche alla luce dei cambiamenti della società, che vede i media e i social sempre più presenti nelle vite dei minori, sulle quali hanno un'influenza sempre maggiore. - aggiunge - la scuola sia il luogo formativo per eccellenza, ma per un'efficacia educativa deve esserci corresponsabilità tra genitori e docenti, che non sono parti contrapposte, ma devono essere uniti per il benessere dell'alunno, sempre nel rispetto dei reciproci ruoli e degli ambiti delle responsabilità. Non possiamo offrire un'educazione schizofrenica, dove i genitori danno un input educativo e i docenti ne danno un altro all'opposto.Tutti devono essere coordinati come un'orchestra per un'educazione lineare, condivisa ed efficace".

 

FONTE FOTO: Foto diGerd AltmanndaPixabay e Foto diStefan SchweihoferdaPixabay

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Booble News!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

Lavagna a scuola<br />&copy; Foto diGerd AltmanndaPixabay Lavagna a scuola © Foto diGerd AltmanndaPixabay
Lavagna a scuola<br />&copy; Foto di Stefan Schweihofer da Pixabay Lavagna a scuola © Foto di Stefan Schweihofer da Pixabay

rank: 10107108

Lavoro e Formazione

Jobs Act, Consulta aumenta le tutele per i lavoratori licenziati

Il Jobs Act voluto dal governo Renzi nel 2015 e che tante modifiche aveva apportato alla legge 300, meglio conosciuto come Statuto dei lavoratori del 1970, ha subito un altro 'colpo' da parte della Corte costituzionale ha deciso di allargare la tutela per i lavoratori licenziati che il Jobs Act aveva...

Molestie, sospeso per un mese docente Università di Torino

Luoghi 'sacri' si definivano una volta, ora, la fotografia che viene scattata nelle Università, nel caso specifico in quella di Torino, non è affatto rassicurante: lo si evince dalle innumerevoli situazioni di disagio che stanno emergendo dai questionari proposti dal collettivo Studenti Indipendenti...

Scuola, Stato interviene contro i violenti

di Norman di Lieto Dopo le aggressioni a Taranto e a Varese al personale scolastico, il Ministero dell'Istruzione e quello della Giustizia stanno lavorando insieme ad una stretta contro chi aggredisce il personale scolastico: per loro, non solo è stata prevista la difesa da parte dell'Avvocatura dello...

Assegno inclusione, oltre la metà dei pagamenti in Campania e Sicilia

Da ieri sono partiti i primi pagamenti relativi all'Assegno di Inclusione e l'Inps ha reso noto i dati relativi alla misura voluta dal governo Meloni. Dalla mappatura emerge un quadro abbastanza chiaro ed inequivocabile: oltre la metà degli assegni di inclusione pagati a fine gennaio (287.704 richieste...

Assegno di inclusione, al via i pagamenti

Dal 26 gennaio prossimo arriveranno i primi accrediti per l'assegno di inclusione, la misura nata per volere del governo Meloni e che ha sostituito il 'rottamato' Reddito di cittadinanza. Secondo la commissaria straordinaria dell'Inps, Micaela Gelera: "Le nuove misure di contrasto alla povertà sono oggetto...