Booble News - Il giornale dalla Costa d'Amalfi

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Booble News - Il giornale dalla Costa d'Amalfi

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

Ultimo aggiornamento 1 giorno fa S. Giuliana Falc.

Date rapide

Oggi: 19 giugno

Ieri: 18 giugno

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Booble News Costiera Amalfitana

Il giornale dalla Costa d'Amalfi

Booble News - Il giornale dalla Costa d'Amalfi Direttore responsabile: Manuela Nastri

Pasticceria Pansa, la dolcezza in piazza ad AmalfiHotel Santa Caterina Amalfi Caseificio "La Tramontina" - Prima Cotta, la Mozzarella di Bufala Campana fuori dal coro. Caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, Qualità

Tu sei qui: Lavoro e FormazioneLavoro, una fotografia troppe volte distorta

Frai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiPasticceria Pansa ad Amalfi la dolcezza dal 1830Maurizio Russo, liquorificio dal 1899 - Bu, le creme con latte di BufalaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoSupermercati Netto Maiori, Pagina ufficiale offerte Facebook

Lavoro e Formazione

lavoro, istat, censis, occupati, disoccupati, demografia, paese, italia

Lavoro, una fotografia troppe volte distorta

Il rapporto Censis-Confcooperative su: 'Lavoro, il mercato contorto: l'Italia alle prese con mismatch, demografia e grandi dimissioni' apre una prospettiva diversa su cui guardare. L'analisi dei soli numeri riguardo l'occupazione nel nostro Paese può trarre in inganno

Inserito da (Redazione Nazionale), martedì 7 novembre 2023 17:55:54

di Norman di Lieto

Il tema del lavoro in Italia pare un labirinto senza uscita: a volte si festeggiano dati provvisori relativi ad un dato periodo appena terminato che magari è risultato migliore rispetto al precedente.

L'Istat, per esempio, a settembre ha certificato un bel segno + riguardo ad un aumento degli occupati pari a 42mila unità, ed un contestuale aumento dei disoccupati che arrivano a 35mila unità.

Si parla di ripresa del mercato del lavoro, come detto, perché i dati precedenti erano meno positivi di quelli di settembre.

Ma può bastare stappare lo champagne in mancanza di un vero salto 'strutturale' nel mondo del lavoro?

Un occupato con un contratto di 3 mesi che potrebbe essere non rinnovato, è un occupato per quel periodo.

Positivo a prescindere?

Intanto il tasso di disoccupazione femminile in Italia sale all'8,3% a settembre, a fronte di una media dell'eurozona stabile al 6,8%.

E la distanza è ancora più lunga per i ragazzi tra i 15 e i 24 anni: la disoccupazione giovanile italiana è al 21,9%, quella media dell'Eurozona al 14%.

Il missmatch rimane tra quello che cercano le imprese e i lavoratori che non si trovano, ovvero le persone che cercano di trovare un'occupazione degna di questo nome.

Una professionista del mondo del lavoro mi disse una volta, una frase (e una realtà) illuminante:

"Contiamo i posti di lavoro, non le postazioni di lavoro".

Sì, perché se lasciamo fuori per un momento dal dibattito il tema dei salari bassi per quei 3,5 milioni di lavoratori poveri, in sostanza resta la mancanza di formazione di quelle persone in cerca di lavoro che andrebbero assunte ma che non ne hanno una adeguata.

Le imprese che cercano una specifica figura professionale non potrebbero provare ad investire in corsi di formazione interni per fare in modo che quelle figure professionali che non si trovano, le formino direttamente loro al proprio interno?

Se le scuole davvero non sono in grado di formare i lavoratori richiesti, provate a farlo voi, care imprese, nel 'grembo' della vostra azienda.

Com'è noto, nonostante i tanti ragazzi senza lavoro, le imprese continuano a lamentare di non trovare le figure professionali di cui necessitano: è un'analisi del Censis per Confcooperative a stimare che il costo dei posti vacanti in 28 miliardi di euro, l'1,5% del Pil, e in crescita.

"Il lavoro continua a esserci, ma anche i lavoratori continuano a mancare e ciò non consente alle imprese di spingere sull'acceleratore così come potrebbero", ha dichiarato il presidente di Confcooperative, Maurizio Gardini, presentando lo studio 'Lavoro, il mercato contorto'.

I lavoratori irreperibili sono 316 mila e le difficoltà di assunzione sono collegate all'invecchiamento della popolazione, alla distribuzione geografica dei posti disponibili e ai cambiamenti nelle aspettative che riguardano il lavoro.

C'è il tema reale dell'invecchiamento della popolazione: il 40% degli occupati in Italia hanno ormai 50 anni e anche di più e nell'arco di dieci anni, i lavoratori in questa fascia di età sono aumentati di quasi 3 milioni.

Nello stesso periodo gli occupati al di sotto dei 35 anni si sono ridotti di 361 mila unità.

C'è un altro tema, sostanzialmente interessante, l'aumento dei lavoratori autonomi che da gennaio a settembre, rispetto all'anno precedente, mostrano un incremento di 62mila unità,.

C'è un altro tema culturale che riguarda il mondo del lavoro: negli ultimi 10 anni è cambiata anche la filosofia che sta dietro al lavoro e in chi lo cerca, non semplicemente per averne uno.

Ma che abbia un senso: nelle proprie aspettative, in linea con ciò che ha studiato, nella conciliazione dei tempi di vita e lavoro, nella coerenza di ciò che l'azienda professa e ciò che realmente fa, senza dimenticare il tema - fondamentale - della salute mentale. Anche e, soprattutto, sul luogo di lavoro.

Nel 2012 gli insoddisfatti del proprio lavoro rispetto alle competenze possedute era il 13,1%, 10 anni più tardi la percentuale ha raggiunto il 36,1%: è quanto emerge dal rapporto Censis-Confcooperative su 'Lavoro, il mercato contorto: l'Italia alle prese con mismatch, demografia e grandi dimissioni'.

E, come detto, cambiano le aspettative: nel 2012 il 51,2% degli occupati a tempo indeterminato dichiarava di voler cambiare lavoro per guadagnare di più. Nel 2022 questa percentuale, pur restando la più elevata fra le motivazioni, si attesta a un livello molto più in basso: il 36,2%". E' quasi affiancata dalla percentuale degli 'insoddisfatti' che cercano "un lavoro più qualificante per le proprie capacità/competenze e con maggiori prospettive di carriera".

Il lavoro è cambiato e continua a cambiare e forse il nostro sistema, lo sta capendo con colpevole ritardo.

È ora di porre rimedio a questo gap, tutto nostro.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Booble News!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

Elettricista<br />&copy; Foto di Michal Jarmoluk da Pixabay Elettricista © Foto di Michal Jarmoluk da Pixabay
Saldatore<br />&copy; Foto di WikiImages da Pixabay Saldatore © Foto di WikiImages da Pixabay

rank: 10795100

Lavoro e Formazione

Jobs Act, Consulta aumenta le tutele per i lavoratori licenziati

Il Jobs Act voluto dal governo Renzi nel 2015 e che tante modifiche aveva apportato alla legge 300, meglio conosciuto come Statuto dei lavoratori del 1970, ha subito un altro 'colpo' da parte della Corte costituzionale ha deciso di allargare la tutela per i lavoratori licenziati che il Jobs Act aveva...

Molestie, sospeso per un mese docente Università di Torino

Luoghi 'sacri' si definivano una volta, ora, la fotografia che viene scattata nelle Università, nel caso specifico in quella di Torino, non è affatto rassicurante: lo si evince dalle innumerevoli situazioni di disagio che stanno emergendo dai questionari proposti dal collettivo Studenti Indipendenti...

Scuola, Report Eurispes: "Docenti aggrediti e malpagati"

Dopo l'aggressione alla docente di Varese, con 3 coltellate che ha seguito anche quello che accadde sempre ad un'insegnante ad Abbiategrasso nel maggio dello scorso anno, le aggressioni e le minacce da parte di studenti e genitori, sono in preoccupante aumento. Senza contare stipendi inadeguati e scarsi...

Scuola, Stato interviene contro i violenti

di Norman di Lieto Dopo le aggressioni a Taranto e a Varese al personale scolastico, il Ministero dell'Istruzione e quello della Giustizia stanno lavorando insieme ad una stretta contro chi aggredisce il personale scolastico: per loro, non solo è stata prevista la difesa da parte dell'Avvocatura dello...

Assegno inclusione, oltre la metà dei pagamenti in Campania e Sicilia

Da ieri sono partiti i primi pagamenti relativi all'Assegno di Inclusione e l'Inps ha reso noto i dati relativi alla misura voluta dal governo Meloni. Dalla mappatura emerge un quadro abbastanza chiaro ed inequivocabile: oltre la metà degli assegni di inclusione pagati a fine gennaio (287.704 richieste...

Booble News - Il giornale dalla Costa d'Amalfi

Abbiamo notato che stai usando uno strumento che blocca gli annunci pubblicitari.

La pubblicità ci permette di offrirti ogni giorno un servizio di qualità.

Per supportarci disattiva l'AdBlock che stai utilizzando.