Ultimo aggiornamento 3 giorni fa S. Francesco Solano

Date rapide

Oggi: 14 luglio

Ieri: 13 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Booble News Costiera Amalfitana

Il giornale dalla Costa d'Amalfi

Booble News - Il giornale dalla Costa d'Amalfi Direttore responsabile: Manuela Nastri

Pasticceria Pansa, la dolcezza in piazza ad AmalfiHotel Santa Caterina Amalfi Caseificio "La Tramontina" - Prima Cotta, la Mozzarella di Bufala Campana fuori dal coro. Caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, Qualità

Tu sei qui: Lavoro e FormazioneLavoro, Lamborghini e Luxottica verso la settimana lavorativa di 4 giorni

Frai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiPasticceria Pansa ad Amalfi la dolcezza dal 1830Maurizio Russo, liquorificio dal 1899 - Bu, le creme con latte di BufalaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoSupermercati Netto Maiori, Pagina ufficiale offerte Facebook

Lavoro e Formazione

lavoro, settimana corta, banca intesa, luxottica, lamborghini

Lavoro, Lamborghini e Luxottica verso la settimana lavorativa di 4 giorni

Accordo sperimentale per il colosso dell'eye-wear e ipotesi di accordo per il contratto di secondo livello per Lamborghini cui mancano solo i dettagli

Inserito da (Redazione Nazionale), giovedì 30 novembre 2023 19:20:23

di Norman di Lieto

Il tema della settimana lavorativa corta di 4 giorni a settimana è un tema che piace assai ma che sembra arrivare solo da quelli che ‘possono': ultimi, dopo Intesa San Paolo a provare nell'ordine, Lamborghini che l'ha messo nell'ipotesi di accordo per il rinnovo del contratto integrativo di secondo livello e Luxottica.

Per 20 settimane l'anno i dipendenti degli stabilimenti Luxottica lavoreranno quattro giorni, restando liberi da venerdì a domenica, mentre per tutte le altre settimane si manterranno i 5 giorni lavorativi. E' l'accordo sperimentale sottoscritto da Filctem Cgil, Femca Cisl e Uiltec Uil e le Rsu nell'ambito nuovo contratto integrativo aziendale. Coinvolge tutti i lavoratori per circa 20 mila dipendenti degli stabilimenti.

Questo a parità di salario. La sperimentazione sarà avviata su base volontaria in alcuni reparti e costantemente monitorata.

Cinque dei 20 venerdì liberi saranno scalati dai permessi retribuiti, mentre gli altri 15 saranno in carico all'azienda.

Tornando a Banca intesa è agli atti da qualche giorno il rinnovo del contratto nazionale di lavoro del comparto che ha visto arrivare un aumento di 435 euro mensili per i lavoratori delle banche se a questo si aggiunge la riduzione dell'orario di lavoro a parità di salario non c'è che applaudire all'accordo raggiunto.

Ma se dobbiamo provare a portare la settimana lavorativa di 4 giorni in tutte le realtà lavorative anche quelle medio-piccole, occorrerebbe lavorare - in primis - sulla leva degli stipendi: tolte le banche con il loro aumento di 435 Euro gli stipendi sono fermi da 30 anni a questa parte nel nostro Paese secondo i dati Ocse.

Senza contare i molti contratti nazionali di lavoro scaduto che non vengono rinnovati.

Non è il caso di partire con la leva degli stipendi prima di pensare alla settimana lavorativa di 4 giorni?

Scrivo questo perché penso che possiamo arrivare a pensare che, il rischio grande, sia proprio che gli aumenti di stipendio e la relativa introduzione della settimana corta lavorativa su 4 giorni siano un privilegio per pochi.

Lo chiamo privilegio perché credo che non sia così facilmente estendibile come ricetta (aumento salari e contestuale diminuzione orario di lavoro settimanale) per le Pmi di cui l'Italia è maggioranza: allora bisogna pensare che se lavori per una banca o una multinazionale sei davvero fortunato.

E (tutti) gli altri un pò meno.

Ma ancora per quanto potranno esserci lavoratori che hanno tutto e altri che raccolgono solo le briciole?

In un Paese civile mi piacerebbe che non ci fossero disparità di trattamento così evidenti.

Sognare non costa nulla ma anche provare a cambiare le cose, davvero, non sarebbe male.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Booble News!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

Lavoro<br />&copy; Foto di Michal Jarmoluk da Pixabay Lavoro © Foto di Michal Jarmoluk da Pixabay

rank: 10019105

Lavoro e Formazione

Jobs Act, Consulta aumenta le tutele per i lavoratori licenziati

Il Jobs Act voluto dal governo Renzi nel 2015 e che tante modifiche aveva apportato alla legge 300, meglio conosciuto come Statuto dei lavoratori del 1970, ha subito un altro 'colpo' da parte della Corte costituzionale ha deciso di allargare la tutela per i lavoratori licenziati che il Jobs Act aveva...

Molestie, sospeso per un mese docente Università di Torino

Luoghi 'sacri' si definivano una volta, ora, la fotografia che viene scattata nelle Università, nel caso specifico in quella di Torino, non è affatto rassicurante: lo si evince dalle innumerevoli situazioni di disagio che stanno emergendo dai questionari proposti dal collettivo Studenti Indipendenti...

Scuola, Report Eurispes: "Docenti aggrediti e malpagati"

Dopo l'aggressione alla docente di Varese, con 3 coltellate che ha seguito anche quello che accadde sempre ad un'insegnante ad Abbiategrasso nel maggio dello scorso anno, le aggressioni e le minacce da parte di studenti e genitori, sono in preoccupante aumento. Senza contare stipendi inadeguati e scarsi...

Scuola, Stato interviene contro i violenti

di Norman di Lieto Dopo le aggressioni a Taranto e a Varese al personale scolastico, il Ministero dell'Istruzione e quello della Giustizia stanno lavorando insieme ad una stretta contro chi aggredisce il personale scolastico: per loro, non solo è stata prevista la difesa da parte dell'Avvocatura dello...

Assegno inclusione, oltre la metà dei pagamenti in Campania e Sicilia

Da ieri sono partiti i primi pagamenti relativi all'Assegno di Inclusione e l'Inps ha reso noto i dati relativi alla misura voluta dal governo Meloni. Dalla mappatura emerge un quadro abbastanza chiaro ed inequivocabile: oltre la metà degli assegni di inclusione pagati a fine gennaio (287.704 richieste...