Ultimo aggiornamento 5 giorni fa B. Vergine del Carmelo

Date rapide

Oggi: 16 luglio

Ieri: 15 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Booble News Costiera Amalfitana

Il giornale dalla Costa d'Amalfi

Booble News - Il giornale dalla Costa d'Amalfi Direttore responsabile: Manuela Nastri

Pasticceria Pansa, la dolcezza in piazza ad AmalfiHotel Santa Caterina Amalfi Caseificio "La Tramontina" - Prima Cotta, la Mozzarella di Bufala Campana fuori dal coro. Caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, Qualità

Tu sei qui: GourmetI dolci natalizi di Napoli: un viaggio nel gusto e nella tradizione

Frai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiPasticceria Pansa ad Amalfi la dolcezza dal 1830Maurizio Russo, liquorificio dal 1899 - Bu, le creme con latte di BufalaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoSupermercati Netto Maiori, Pagina ufficiale offerte Facebook

Gourmet

Napoli, Campania, Dolci delle feste

I dolci natalizi di Napoli: un viaggio nel gusto e nella tradizione

A Napoli il profumo del Natale si sente tra le strade, nelle case e, soprattutto, sulle tavole dei napoletani

Inserito da (Admin), domenica 24 dicembre 2023 19:08:42

di Adriano Casolaro

Mentre il Natale si avvicina, le tavole dei napoletani si preparano ad accogliere una vera e propria sinfonia di dolci tradizionali, testimoni di una cultura gastronomica ricca e profondamente radicata. Quest'anno, come ogni anno, non mancheranno le delizie che fanno parte del patrimonio culinario di Napoli, una città dove il Natale è molto più di una festa: è una celebrazione di sapori, storia e comunità.

In primo piano troviamo gli Struffoli, piccole sfere di pasta dolce fritte e imbevute di miele, decorate con canditi e confettini colorati. Questi dolci, di origine greca e con una storia che rispecchia la ricchezza culturale di Napoli, un tempo erano preparati nei conventi e donati alle famiglie nobili come segno di gratitudine per le loro opere di carità.

Altrettanto rinomati sono i Roccocò, ciambelle di circa 10 cm di diametro realizzate con farina, mandorle, zucchero, canditi e un mix di spezie. Nati nel 1320, questi dolci dalla consistenza dura sono tradizionalmente inzuppati in marsala, vermouth o spumante per esaltarne il sapore.

Non meno importanti sono i Mostaccioli o Mustaccioli, dolci natalizi a forma di rombo, coperti di una deliziosa glassa al cioccolato. Preparati con un impasto che include cacao amaro e una miscela di spezie come cannella, chiodi di garofano e noce moscata, questi biscotti offrono un gusto unico, arricchito dalla loro tipica cottura in forno.

I Susamielli, dolci a forma di S realizzati con farina, miele, zucchero, mandorle tostate e frutta candita, sono un altro esempio dell'arte pasticcera napoletana. Questi dolci, noti anche come "sapienze", erano originariamente preparati dalle clarisse nel Seicento e presentano diverse varianti, ognuna con una storia e un significato unici.

Le Cassatine Napoletane o raffioli alla cassata, con la loro base di pan di Spagna, crema di ricotta e gocce di cioccolato, sono tra i dolci più amati durante il periodo natalizio. La loro preparazione richiede una particolare attenzione nella realizzazione della glassa reale, fondamentale per una presentazione perfetta.

Infine, la Pasta Reale o Pasta di Mandorle, tipica della Sicilia ma ampiamente utilizzata anche a Napoli, è un ingrediente fondamentale per creare dolcetti a forma di frutta e non solo. La leggenda vuole che re Ferdinando IV di Borbone rimase stupito nel scoprire che quello che sembrava un buffet di pietanze salate era in realtà composto da squisiti dolci preparati dalle suore del convento di San Gregorio Armeno.

Questi dolci, oltre ad essere una gioia per il palato, rappresentano un viaggio nella storia e nelle tradizioni di Napoli, una città dove il Natale si celebra non solo con la fede ma anche attraverso la condivisione di sapori che raccontano storie secolari. Nel periodo natalizio, ogni napoletano si ritrova, almeno per un momento, seduto attorno a un tavolo imbandito di dolci, unito da una tradizione che trascende il tempo e le generazioni.

 

Foto: Pasticceria Vincenzo Bellavia

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Booble News!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

rank: 10269109

Gourmet

Chef Ciro di Maio e la star del basket Mike Cobbins uniscono forze in un piatto tradizionale napoletano

In un angolo gourmet di Brescia, l'arte culinaria di Napoli incontra il basket americano in un'insolita ma affascinante collaborazione. Lo chef Ciro di Maio, originario di Frattamaggiore e titolare del ristorante San Ciro, ha invitato Mike Cobbins, giocatore della Germani Brescia, a partecipare alla...

Sorì Italia vola a Las Vegas - per la prima volta al Pizza Expo

Per la prima volta al Pizza Expo La Vegas, Sorì Italia sarà tra gli oltre 350 espositori attesi tra il 19 e il 21 marzo, in occasione della quarantesima edizione del più grande evento dell'industria della pizza al mondo. Presso lo stand 1571 del Las Vegas Convention Center, Sorì Italia, storica azienda...

Mille&UnBabà, a Napoli in finale una sfida tutta al femminile

Il contest Mille&UnBabà si tinge di rosa: la terza edizione del concorso voluto da Mulino Caputo vedrà in finale 6 concorrenti, provenienti da tutt'Italia e pronte a confrontarsi nella realizzazione di una versione contemporanea di quello che viene considerato il principe della pasticceria partenopea:...

Rivive la “Mano de Dios”, Ciro Di Maio presenta la pizza a forma di mano dedicata a Maradona

Mondiali di calcio, quarti di finale di Messico 1986, Inghilterra-Argentina, era il 22 uscita. Maradona salta, è più basso di venti centimetri rispetto al portiere, ma tocca prima il pallone, e segna. Di mano. L'arbitro non se ne accorge. Maradona convince i compagni ad esultare con lui "sennò l'arbitro...

Agerola, da "La Corte degli Dei" parte l'appello per il recupero delle ricette della tradizione

Piatti della tradizione e antiche ricette tramandate di generazione in generazione. Giuseppe Romano, executive chef de "La Corte degli Dei", ospitato ad Agerola nel settecentesco Palazzo Acampora, è alla ricerca dei "ricettari della nonna" e lancia un appello. Il suo invito non è rivolto esclusivamente...