Booble News - Il giornale dalla Costa d'Amalfi

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Booble News - Il giornale dalla Costa d'Amalfi

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

Ultimo aggiornamento 3 giorni fa S. Ermenegildo martire

Date rapide

Oggi: 13 aprile

Ieri: 12 aprile

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Booble News Costiera Amalfitana

Il giornale dalla Costa d'Amalfi

Booble News - Il giornale dalla Costa d'Amalfi Direttore responsabile: Manuela Nastri

Pasticceria Pansa, la dolcezza in piazza ad AmalfiHotel Santa Caterina Amalfi Caseificio "La Tramontina" - Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, Qualità

Tu sei qui: Economia e TurismoStellantis, governo pensa all'ingresso dello Stato italiano

Frai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiPasticceria Pansa ad Amalfi la dolcezza dal 1830Maurizio Russo, liquorificio dal 1899 - Bu, le creme con latte di BufalaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoSupermercati Netto Maiori, Pagina ufficiale offerte Facebook

Economia e Turismo

stellantis, automotive, incentivi, governo, sindacati, tavares

Stellantis, governo pensa all'ingresso dello Stato italiano

Dentro all'ex Fiat convivono due anime: una francese e l'altra italiana. Ma è davvero in equilibrio? La Francia ha già una partecipazione azionaria, l'Italia non ancora

Inserito da (Redazione Nazionale), sabato 3 febbraio 2024 17:45:34

di Norman di Lieto

Su Stellantis, nata dalla fusione tra Fiat-Chrysler e Psa (Peugeot-Citroen) le polemiche gravitano da tempo, sin da questa unione che, secondo quanto detto anche dalla premier Meloni, vedrebbe uno squilibrio verso Parigi rispetto al socio italiano così come aveva fatto notare la stessa presidente del Consiglio:

"Penso allo spostamento della sede legale e fiscale fuori dall'Italia o alla fusione che celava un'acquisizione francese dello storico gruppo italiano: tanto che oggi nel cda di Fca siede un membro del governo francese, non è un caso se le scelte industriali del gruppo tengono maggiormente in considerazione le istanze francesi rispetto a quelle italiane".

Prima di questo 'scontro' tra governo e il Ceo di Stellantis, Tavares avevamo anche scritto di come spesso ci fossero 'addii' di lavoratori magari con il sistema degli incentivi all'esodo e che, secondo i sindacati, erano già usciti più di 7mila lavoratori.

Lo scorso anno, a febbraio, dal 2021: in 2 anni, 7mila lavoratori in meno.

Ora la richiesta di Tavares per avere nuovi incentivi per gli acquisti delle auto elettriche in cui lui denunciava un ritardo di 9 mesi, con piccata risposta della Meloni, come riportato qui sopra, apre un altro scenario: la possibilità che lo Stato italiano entri con una quota in Stellantis.

Come ha già fatto la Francia con il governo Macron.

Per questo Urso, ministro del Made in Italy aveva dichiarato: "L'epoca degli incentivi a pioggia è finita" ma aveva aperto alla possibilità dell'ingresso in Stellantis con capitale pubblico.

Ma non è così semplice: è una strada che non pare così agevole da percorrere.

Facendo un pò di conti: Stellantis ha oggi una capitalizzazione, ai valori attuali di Borsa, di 67 miliardi di euro e se il governo italiano oggi volesse acquisire una quota pari al 6,1% - uguale a quella che il governo francese detiene attraverso Bpi, l'equivalente della nostra Cassa Depositi e Prestiti - dovrebbe, quindi, pagare ai valori di Borsa attuali 4,1 miliardi di euro.

Oggi il governo francese ha un peso pari al 9,6%, Exor è al 23,13% e Peugeot all'11,1%.

Questo vuol dire che se anche acquisisse il 6,1% spendendo 4,1 miliardi il governo italiano non avrebbe lo stesso peso del governo francese.

Nel 2022, già il Copasir aveva chiesto di valutare l'ingresso di Cassa depositi e prestiti nel gruppo Stellantis per controbilanciare il peso della Francia nel gruppo. Ma il tutto poi rientrò, per (ri)parlarne ancora oggi.

Proprio per la mancanza di incentivi per il settore automotive, Tavares ha ventilato il rischio di posti di lavoro negli stabilimenti italiani come quello di Pomigliano d'Arco.

Intanto martedì resterà ferma la produzione del modello Alfa Romeo Tonale per carenza di elementi meccanici.

L'amministrazione comunale, guidata dal sindaco Raffaele Russo, rivendica il diritto ad essere presente in ogni incontro istituzionale dove si discuterà delle prospettive dello stabilimento perchè "la situazione non impatta solo sui lavoratori direttamente coinvolti".

E non è finita: tra il segretario generale della Cgil, ex leader della Fiom - la categoria dei metalmeccanici del sindacato di Corso d'Italia - e l'ex ministro dello Sviluppo economico ora segretario di Azione è finita a 'carte bollate'.

Motivo?

Calenda accusa Landini di non parlare male mai di Stellantis per non 'perdere' la possibilità di essere intervistato da Repubblica (il cui editore è Elkann, azionista di Stellantis, ndr) che, a sua volta, ha smesso di intervistarlo - a detta dello stesso Calenda - proprio per aver denunciato il silenzio del leader Cgil.

In mezzo c'è il futuro dell'automotive (anche) italiana e di (molti) lavoratori: ultimo anello di una catena che li vede sempre più deboli.

 

FONTE FOTO: Massimiliano D'Uva (entrambe)

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Booble News!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

Stellantis, governo pensa all'ingresso dello Stato italiano
Fiat, Lancia, Jeep<br />&copy; Massimiliano D'Uva Fiat, Lancia, Jeep © Massimiliano D'Uva

rank: 10118102

Economia e Turismo

Inflazione, Istat: "Aumentano prezzi frutta e ortaggi"

Si sperava che l'inflazione fosse stata contenuta dalle politiche monetarie adottate da Bruxelles con la Bce che nel corso degli ultimi mesi aveva progressivamente alzato i tassi salvo poi fermarsi al 4,5% anche se qualcuno, come il senatore Calderoli, chiedeva di abbassarli. I dati Istat definitivi...

Confcommercio, in 10 anni chiusi 111mila negozi: quasi 1 su 5

La società sta cambiando, non solo in Italia: eppure la fotografia scattata delle attività tradizionali all'interno del nostro Paese fanno capire la portata di questo 'tsunami' che nell'arco di poco più di 10 anni ha stravolto il mondo economico e, nello specifico, del commercio, soprattutto quello tradizionale....

Alla Bit c'è 'Campania Divina', De Luca: "Offerta turistica più completa d'Italia"

Ci crede la Regione Campania e ci crede il suo governatore, Vincenzo De Luca che nel giorno dell'inaugurazione ha voluto essere presente alla Borsa Internazionale del Turismo di Milano 2024, inaugurata oggi alla Fiera. L'obiettivo è quello di promuovere la destinazione 'Campania Divina' sui mercati nazionali...

Milano, al via la Bit. Ministro Santanché: "Turismo aumenta posti lavoro e occupazione femminile"

di Norman di Lieto È partita oggi a Milano, la Bit, la fiera del Turismo in una 3 giorni che si annuncia di grande successo anche sulla scia dei grandi numeri che il nostro Paese continua ad inanellare proprio nel comparto travel. Si parte con il 'botto' anche grazie ad un nuovo traguardo raggiunto:...

Credito al consumo, First Cisl: "In Italia costi più alti"

Non siamo ancora giunti al pari degli americani che comprano tutto a rate, e con carte di credito, ma anche nel nostro Paese nel corso degli anni è aumentato - e di molto - il ricorso al credito al consumo. Vuoi per stipendi sempre più bassi, per una nuova cultura del consumo che è cambiata profondamente...

Booble News - Il giornale dalla Costa d'Amalfi

Abbiamo notato che stai usando uno strumento che blocca gli annunci pubblicitari.

La pubblicità ci permette di offrirti ogni giorno un servizio di qualità.

Per supportarci disattiva l'AdBlock che stai utilizzando.