Ultimo aggiornamento 3 giorni fa S. Lorenzo da Brindisi

Date rapide

Oggi: 21 luglio

Ieri: 20 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Booble News Costiera Amalfitana

Il giornale dalla Costa d'Amalfi

Booble News - Il giornale dalla Costa d'Amalfi Direttore responsabile: Manuela Nastri

Pasticceria Pansa, la dolcezza in piazza ad AmalfiHotel Santa Caterina Amalfi Caseificio "La Tramontina" - Prima Cotta, la Mozzarella di Bufala Campana fuori dal coro. Caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, Qualità

Tu sei qui: CronacaPadova, viene fatto esplodere a Cadoneghe autovelox da 24 mila multe al mese

Frai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiPasticceria Pansa ad Amalfi la dolcezza dal 1830Maurizio Russo, liquorificio dal 1899 - Bu, le creme con latte di BufalaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoSupermercati Netto Maiori, Pagina ufficiale offerte Facebook

Cronaca

padova, autovelox, multe, cadoneghe, strada statale, limite velocità

Padova, viene fatto esplodere a Cadoneghe autovelox da 24 mila multe al mese

La notte scorsa sulla statale 307 del Santo, a Cadoneghe (Padova) qualcuno ha piazzato della miscela esplosiva alla base del pozzetto con i cavi elettrici collegati all'autovelox e l'ha fatto saltare

Inserito da (Redazione Nazionale), giovedì 10 agosto 2023 19:18:56

Un autovelox da record quello fatto saltare letteralmente in aria la notte scorsa sulla statale 307 del Santo, a Cadoneghe (Padova) con una miscela esplosiva alla base del pozzetto con i cavi elettrici collegati allo stesso autovelox.

Sulla pagina Facebook del Sindaco di Cadoneghe erano moltissimi i commenti degli utenti sotto i suoi post in cui si lamentava aspramente di quella sorta di 'aggeggio infernale' capace di emettere in un solo mese 24 mila multe.

La macchina elettronica e il tubo di sostegno sono rimasti in piedi: ma la deflagrazione ha scoperchiato il tombino in ghisa dei sottoservizi, producendo una fiammata che ha 'cucinato' il rilevatore di velocità.

Non è solo la provincia di Padova, è tutto il Veneto dove nelle ultime settimane imperversano veri e propri sabotaggi contro gli autovelox: solo 4 nelle ultime settimane in provincia di Rovigo.

Gli autori del vero e proprio 'attentato' all'autovelox di Cadoneghe rischiano grosso: sul caso stanno indagando i Carabinieri.

Il forte botto ha fatto uscire dalle case gli abitanti della zona, i quali si sono accorti delle tracce dell'esplosione, e del tombino saltato in aria.

Sempre ieri a Cadoneghe, di fronte alla sede della polizia locale, c'era stato un sit in degli automobilisti puniti dalla 'macchinetta infernale': su quel tratto di strada precedentemente c'era il limite dei 70 chilometri orari.

Poi l'arteria è passata sotto la gestione diretta del Comune, e il limite è sceso a 50 km/h.

Questo spiegherebbe, secondo i multati, perché molti di loro siano incorsi nelle infrazioni mentre transitavano sulla 307 poco sopra i 50 orari, ma ben sotto i 70, beccandosi lo stesso le multe.

Nel primo mese di attivazione l'impianto aveva registrato le immagini di circa 24mila auto oltre il limite, con multe a ripetizione. Si tratta di sanzioni da 180 euro, con decurtazione di tre punti dalla patente.

E più di residenti di Cadoneghe sono spesso automobilisti che arrivano da più lontano, e percorrono la statale verso Padova per andare al lavoro.

C'è chi ne ha collezionate anche 20-30, e spera quantomeno in una 'sanatoria' da parte del sindaco, Marco Schiesaro.

Che però ricorda che l'autovelox in quel punto c'era anche in passato e che è stato regolarmente autorizzato dal Prefetto, per prevenire l'alta velocità e gli incidenti.

 

Fonte foto: Foto diDaniel RechedaPixabay e Foto diManfred RichterdaPixabay

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Booble News!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

rank: 106010108

Cronaca

Napoli, violenza su turista inglese: barman arrestato

Una vacanza a Napoli che si è poi rivelata un incubo: gli abusi a luglio, ora l'arresto per un barman che ha violentato una ragazza nel bagno del locale dove lavorava, con la turista inglese che aveva appena finito di consumare un drink preparatole dal suo stesso aggressore. Il barman del locale è stato...

Venezia, detenuto denuncia: "Pestato dagli agenti"

di Norman di Lieto Secondo quanto riferito da un detenuto di 23 anni sarebbe stato pestato in cella da tre agenti della polizia penitenziaria, che gli avrebbero rotto alcune costole e lesionato la milza, tanto che i medici che poi l'hanno preso in cura, a Verona, sono stati costretti a sottoporlo ad...

Femminicidi, mattanza continua: due donne uccise in due giorni

di Norman di Lieto La mattanza non si ferma: ieri, in Toscana, ha perso la vita Maria Ferreira di 52 anni uccisa a coltellate in strada dal marito nel tardo pomeriggio a Fornaci di Barga; oggi, Sara Buratin, 41 anni, di Bovolenta. I carabinieri cercano il marito. Maria Ferreira aveva già apposto la prima...

Vibo Valentia, tentativo di avvelenamento durante la messa per don Palamara

Il comune in questione dove è accaduto il fatto San Nicola di Pannaconi, una frazione di Cessaniti, è stato commissariato per mafia nello scorso mese di agosto: qui, oggi, durante la Santa Messa, il sacerdote don Felice Palamara, già inseguito da minacce ed intimidazione dalla criminalità organizzata,...

Brennero, neve paralizza il traffico: chiusa autostrada e code fino a 40km

La neve ha paralizzato oggi il passo del Brennero: l'autostrada è stata chiusa e si sono formate code che hanno raggiunto i 40 chilometri. Nel corso della mattinata la neve aveva superato il livello di guardia andando oltre il metro facendo scattare così per motivi di sicurezza la decisione di chiudere...