Ultimo aggiornamento 3 giorni fa S. Aurelio vescovo

Date rapide

Oggi: 20 luglio

Ieri: 19 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Booble News Costiera Amalfitana

Il giornale dalla Costa d'Amalfi

Booble News - Il giornale dalla Costa d'Amalfi Direttore responsabile: Manuela Nastri

Pasticceria Pansa, la dolcezza in piazza ad AmalfiHotel Santa Caterina Amalfi Caseificio "La Tramontina" - Prima Cotta, la Mozzarella di Bufala Campana fuori dal coro. Caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, Qualità

Tu sei qui: ChiesaSanta Lucia: quando la luce vince sulle tenebre. Storia e curiosità

Frai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiPasticceria Pansa ad Amalfi la dolcezza dal 1830Maurizio Russo, liquorificio dal 1899 - Bu, le creme con latte di BufalaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoSupermercati Netto Maiori, Pagina ufficiale offerte Facebook

Chiesa

Santa Lucia, lux, chiesa, martire, santa, solstizio

Santa Lucia: quando la luce vince sulle tenebre. Storia e curiosità

Il nome Lucia - dal latino "lux" - indica appunto Luce l'elemento che più manca nel solstizio d'inverno e nei giorni immediatamente precedenti

Inserito da (Admin), mercoledì 13 dicembre 2023 06:48:46

Santa patrona di Siracusa e protettrice della vista, Lucia portava cibo e aiuti ai cristiani che si nascondevano nelle catacombe della sua città usando una corona di candele per illuminare la sua strada e lasciare le mani libere. Vittima delle persecuzioni sotto l'impero di Diocleziano, la tradizione vuole che guarì la madre da una grave malattia e rifiutò di sposarsi. Il promesso sposo, allora, la denunciò come cristiana: fu incarcerata, torturata e arsa sul rogo ma sopravvisse alle fiamme. Morì per decapitazione.

"Santa Lucia, il giorno più corto che ci sia", recita il detto popolare. In realtà questo accadeva un tempo, quando la Santa era venerata proprio in corrispondenza del solstizio d'inverno, il giorno con il minor numero di ore di luce. Questo momento, che segna l'inizio dell'inverno nel nostro emisfero, un tempo era celebrato proprio il 13 dicembre, giorno di Santa Lucia.
Ma come si è passati dal 13 al 20/21 dicembre? La spiegazione è racchiusa nell'evento che - nel 1582 - segnò il passaggio dal calendario giuliano a quello gregoriano. Per consentire l'allineamento al calendario gregoriano, 440 anni fa furono cancellati i giorni dal 6 al 15 ottobre, spostando così il giorno dedicato a Santa Lucia a una decina di giorni prima del solstizio d'inverno. Ecco spiegato il motivo per cui il famoso detto popolare racchiude una mezza verità, definendo questa giornata la più corta dell'anno, come appunto era fino al 1582.

Anche se oggi questo non è più il giorno più corto dell'anno, la leggenda di Santa Lucia rimane legata alla luce, l'elemento che più manca nel solstizio d'inverno e nei giorni immediatamente precedenti. Il nome Lucia - dal latino "lux" - indica appunto Luce. La celebrazione in onore della giovane martire cristiana assume così il valore di auspicio della luce che tornerà con la prossima primavera, e per sancire la vittoria della luce sulle tenebre in molti Paesi nordici viene festeggiata con grandi falò, sfilate con fiaccole e cerimonie piene di candele accese. In Svezia e in Norvegia questa giornata è particolarmente cara ai più piccoli perché segna l'inizio del Natale. In Scandinavia Santa Lucia è rappresentata come una donna in abito bianco, colore della purezza del battesimo, e fascia rossa, colore del sangue del suo martirio, con una corona di candele sulla sua testa. Le candele simboleggiano il fuoco che ha rifiutato di prendere la vita di Santa Lucia quando è stata condannata al rogo.

La festa di Santa Lucia viene celebrata in tutta Italia, con particolare devozione in Sicilia, a Siracusa, in Lombardia, soprattutto nelle provincie di Brescia e Bergamo, in Emilia Romagna, Veneto, Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige, dove i bambini sono soliti scrivere una lettera alla martire siciliana elencando le loro buone azioni, nella speranza di poter ricevere dei regali.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Booble News!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

rank: 109355102

Chiesa

Somma Vesuviana, la processione del Venerdì Santo: un legame vivo tra passato e presente /foto

Somma Vesuviana, cittadina della provincia di Napoli, diventa ogni anno il cuore pulsante di una delle più antiche tradizioni del Sud Italia durante il Venerdì Santo. La processione storica, un rito che si perde nella notte dei tempi, cattura l'attenzione di migliaia di persone con la sua atmosfera suggestiva...

Roma, Papa Francesco all'ospedale Gemelli per una visita

Continuano a preoccupare le condizioni di salute del Papa, nonostante stamane abbia voluto essere presente all'udienza generale arrivando in sedia a rotelle per poi lasciare la lettura dei testi: "Sono ancora un po' raffreddato". Subito dopo, al termine dell'udienza Francesco si è recato al Gemelli all'Isola...

Tour della natalità, card. Zuppi: "Serve un Paese che dia sicurezze"

Lo aveva già certificato l'Istat di come il crollo della natalità incida sull'invecchiamento della popolazione italiana e che per la prima volta è scesa sotto i 59 milioni di residenti con la Campania a rappresentare la regione d'Italia con la media età più giovane. Per questo, gli Stati generali della...

Vaticano, Papa Francesco ai giornalisti: "Parlate di scandali con delicatezza"

di Norman di Lieto È un Papa Francesco che accoglie alla Sala Clementina del Palazzo apostolico, i 140 giornalisti dell'Associazione Internazionale dei Giornalisti Accreditati in Vaticano (AIGAV): "La bellezza del vostro lavoro attorno a Pietro è quella di fondarlo sulla solida roccia della responsabilità...

Castellammare di Stabia onora il suo patrono, San Catello: una storia di devozione e fede

di Leopoldo De Luise Domani, 19 gennaio 2024, Castellammare di Stabia celebra una delle figure più amate e venerabili della sua storia: San Catello. Questo Santo Patrono, diventato sacerdote e successivamente vescovo della Diocesi di Stabia, non è solo un simbolo di fede, ma anche una figura storica...