Booble News - Il giornale dalla Costa d'Amalfi

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Booble News - Il giornale dalla Costa d'Amalfi

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

Ultimo aggiornamento 1 ora fa S. Paolino vescovo

Date rapide

Oggi: 22 giugno

Ieri: 21 giugno

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Booble News Costiera Amalfitana

Il giornale dalla Costa d'Amalfi

Booble News - Il giornale dalla Costa d'Amalfi Direttore responsabile: Manuela Nastri

Pasticceria Pansa, la dolcezza in piazza ad AmalfiHotel Santa Caterina Amalfi Caseificio "La Tramontina" - Prima Cotta, la Mozzarella di Bufala Campana fuori dal coro. Caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, Qualità

Tu sei qui: AttualitàReggio Emilia, detenuto pestato dagli agenti. Legale vittima: "Immagini inaccettabili"

Frai Form a Ravello il centro di medicina estetica Dottor Franco Lanzieri - Epilazione Definitiva Laser 808 indolore di ultima generazione in Costa d'AmalfiPasticceria Pansa ad Amalfi la dolcezza dal 1830Maurizio Russo, liquorificio dal 1899 - Bu, le creme con latte di BufalaPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoSupermercati Netto Maiori, Pagina ufficiale offerte Facebook

Attualità

reggio emilia, detenuto, guardie giudiziarie, sovraffollamento, degrado, violenza

Reggio Emilia, detenuto pestato dagli agenti. Legale vittima: "Immagini inaccettabili"

In un video del 3 aprile dello scorso anno, 2 minuti di pestaggio con gli agenti che lo incappucciano con una federa stretta al collo. Mentre le polemiche sul sovraffollamento delle carceri non si placano, emerge il video choc

Inserito da (Redazione Nazionale), venerdì 9 febbraio 2024 20:59:36

di Norman di Lieto

Si è discusso spesso del tema carceri in Italia: con l'aumento del numero dei suicidi, il sovraffollamento all'interno delle stesse, senza dimenticare l'ultimo caso che ha riguardato una detenuta italiana che però si trova in una prigione ungherese, Ilaria Salis.

Oggi sono state svelate delle immagini choc, un video di due minuti con il pestaggio da parte di due guardie giurate nei confronti di un detenuto, avvenuto lo scorso anno, il 3 aprile del 2023 nel carcere di Reggio Emilia.

Il detenuto incappucciato con una federa stretta al collo, tenuta tirata a lungo per un lembo, trattenuto per le gambe, un braccio torto dietro la schiena. Denudato dalla cintola in giù, quindi sollevato di peso, afferrato anche per il nodo della federa.

Una volta in cella, è stato lasciato lì, per oltre un'ora, mezzo nudo, malgrado si stesse ferendo con dei cocci e il sangue stesse via via inondando la stanza.

Gli agenti di polizia penitenziaria si sono avventati e accaniti su un quarantenne tunisino con il gip Luca Ramponi, che a luglio aveva emesso un'ordinanza di interdizione dal servizio per dieci indagati, ha definito quello che è successo "brutale, feroce e assolutamente sproporzionato rispetto al comportamento del detenuto".

Un filmato su cui si sono basati anche gli investigatori, coordinati dalla pm Maria Rita Pantani, per attribuire le responsabilità a ciascuno.

Il procuratore Gaetano Calogero Paci aveva parlato di "modalità disumanizzanti, degradanti, contro la dignità umana".

Inizialmente gli indagati erano 14, mentre il 14 marzo saranno in dieci a trovarsi in udienza preliminare: otto rispondono di tortura e in più uno di questi, con altri due, per aver attestato il falso nelle relazioni di servizio successive al fatto.

La vittima ha presentato una denuncia che ha dato il via alle indagini, assistito dall'avvocato Luca Sebastiani, che oggi commenta:

"Sono immagini agghiaccianti e inaccettabili, una violenza gratuita contro un uomo solo, privato della libertà, incappucciato, ammanettato e a terra. Ci tengo a sottolineare il lavoro della Procura di Reggio Emilia, che con la dovuta tempestività e determinazione ha svolto le indagini ed estrapolato quanto ripreso dalle telecamere interne, che altrimenti avremmo perso".

Il legale, da tempo impegnato nella difesa della dignità delle persone private della libertà, insiste:

"Attendiamo l'udienza preliminare con il necessario approccio garantista, evitando di esprimere sentenze sul fatto prima ancora che lo possa fare il giudice. Non è la prima volta che si parla di tortura all'interno delle carceri, pertanto mi auguro che questa gravissima vicenda possa finalmente far avviare nel nostro Paese una seria riflessione politica". E cita il caso di Ilaria Salis:

"Parliamo di un fatto grave, avvenuto in Italia. Peraltro, solo pochi giorni fa abbiamo dovuto assistere al trattamento disumano riservato a una cittadina italiana in un carcere di un altro Stato europeo".

Al fianco della vittima si schiera l'associazione Antigone:

"Le immagini si commentano da sole, ricordano quelle di Santa Maria Capua Vetere e di altri casi di questo tipo.

L'associazione aveva depositato un esposto per questo fatto specifico e ci sarà all'udienza di marzo per costituirsi parte civile", dice l'avvocata Simona Filippi.

Come detto, il tema carceri, è stato anche oggetto delle proteste dei penalisti italiani che il 24, 25 e 26 gennaio scorsi - proprio per le condizioni delle carceri e per lo stato del processo penale, due questioni che "colpiscono al cuore i principi della Costituzione, il diritto di difesa e la dignità stessa delle persone private della libertà personale" - avevano scioperato per 3 giorni.

Lo sciopero era stato proclamato dalla giunta dell'Unione delle camere penali con una delibera del 25 gennaio scorso che spiegava le ragioni dell'astensione e con i penalisti che chiedevano poi che:

"Il governo adotti con urgenza misure tecniche immediate al fine di rimediare all'ingravescente fenomeno del sovraffollamento delle carceri anche attraverso l'adozione di provvedimenti di clemenza generalizzata quali l'amnistia e l'indulto" e "di porre in campo ogni energia ed ogni risorsa al fine di affrontare con efficacia il terribile fenomeno dei suicidi. Infine devono porsi le premesse per un cambio di rotta radicale e per un intervento ampio ed organico che recuperi la finalità rieducativa delle pene, che escluda la centralità del carcere".

Non sono da meno i dati sulle carceri italiane riferiti dal capo del Dap, Giovanni Russo, in audizione alla commissione Giustizia della Camera:

"Abbiamo un incremento di circa 400 detenuti ogni mese, ad oggi i detenuti sono 60.814. Di questi circa 43 mila sono comuni, gli altri si dividono tra alta sicurezza e 41 bis. Negli ulti 25 anni solo in altre 5 occasioni sono stati superarti i 60 mila".

Filippo Blengino dei Radicali italiani ha iniziato lo sciopero della fame proprio per la situazioni delle carceri in Italia:

"Dignità è un Paese dove le carceri non siano sovraffollate e assicurino il reinserimento sociale dei detenuti.

Da inizio anno, si sono già suicidati 15 detenuti, quasi uno ogni due giorni, in un contesto in cui il tasso di sovraffollamento è del 127% circa con punte che superano il 153% in Puglia. A ciò si aggiungano croniche carenze di attività rieducative e di personale, a partire dagli agenti fino ad arrivare a medici e educatori. Una situazione che violenta la Costituzione e lo Stato di diritto, a cui il governo non sa rispondere se non con un pan-penalismo imperante".

La nota del partito:

"Radicali Italiani rilancerà a breve la campagna 'Devi Vedere', che ha l'ambizioso obiettivo di portare i cittadini nelle visite in carcere insieme a noi, per toccare con mano ciò che avviene oltre le mura: invitiamo anche la Presidente del Consiglio Giorgia Meloni e il Ministro della Giustizia Carlo Nordio ad unirsi a noi.

Continueremo a chiedere, tramite iniziative nonviolente, che il numero dei detenuti sia drasticamente ridotto alla capienza regolamentare".

 

FONTE FOTO: Foto diIchigo121212daPixabay e Foto dijraffindaPixabay

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Booble News!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

Prigione<br />&copy; Foto diIchigo121212daPixabay Prigione © Foto diIchigo121212daPixabay
Prigione<br />&copy; Foto di jraffin da Pixabay Prigione © Foto di jraffin da Pixabay

rank: 10388103

Attualità

Da Mario Bros ai Nirvana, la storia degli anni '90 al Whitemoon

Il prossimo venerdì 8 giugno la Discoteca WhiteMoon di Tornino si trasformerà in un tempio degli anni '90. La storica discoteca di Riccione infatti ospiterà il format "90 Wonderland" che sta facendo ballare (e rivivere con nostalgia quei momenti) centinaia di migliaia di persone in un evento itinerante...

Gragnano, tutto pronto per il primo micronido comunale “Infanzia Serena”: inaugurazione il 14 maggio

È tutto pronto a Gragnano l'inaugurazione del primo micronido comunale "Infanzia Serena", un punto di riferimento fondamentale per le famiglie e la crescita dei nostri piccoli. L'inaugurazione ufficiale si terrà il 14 maggio alle ore 11 presso la sede del micronido in via San Giovanni, 28. Un momento...

"Vigna Resilience": a Napoli la prima vigna didattica gestita da studenti

Una nuova iniziativa educativa e culturale prende vita a Napoli con l'apertura della "Vigna Resilience", la prima vigna didattica completamente gestita da studenti provenienti dalle scuole delle periferie cittadine. Il progetto, sviluppato dalla cantina RadiciVive in collaborazione con il Comune di Napoli,...

Pisa, cariche polizia sugli studenti: 7 agenti si sono auto identificati

7 agenti si sono auto - identificati come personale in servizio durante gli scontri avvenuti a Pisa lo scorso 23 febbraio durante il corteo pro Palestina organizzato dagli studenti toscani. Ora la procura che sta indagando sulle cariche è in possesso di alcuni nomi degli agenti che, appunto, si sono...

Multe, gli italiani nel 2023 hanno pagato 1,535 miliardi

Si discute spesso su una delle modalità di incasso dei Comuni che arrivano a 'rimpinguare' casse - soventi - esangui, grazie anche (o soprattutto) ai rilevatori di velocità. Ora emergono dati e numeri incredibili e che arrivano dal sistema telematico del ministero dell'Economia che censisce tutti i movimenti...

Booble News - Il giornale dalla Costa d'Amalfi

Abbiamo notato che stai usando uno strumento che blocca gli annunci pubblicitari.

La pubblicità ci permette di offrirti ogni giorno un servizio di qualità.

Per supportarci disattiva l'AdBlock che stai utilizzando.