Home Bufale Dal 2017 torna il servizio militare obbligatoria, è una BUFALA

Dal 2017 torna il servizio militare obbligatoria, è una BUFALA

33760
CONDIVIDI
Servizio di leva obbligatoria, la bufala che circola sul web
Per la rubrica “bufale un tanto al kg” oggi tocca “finalmente” al presunto disegno di legge proposto l’anno scorso che diventerebbe operativo. Il Ministro della difesa del governo Renzi è Roberta Pinotti mentre invece la bufala riporta un fantomatico ministro Scalà che avrebbe dichiarato, durante una conferenza stampa straordinaria,  che il servizio militare di leva sarà nuovamente obbligatorio a partire da gennaio 2017: TUTTO FALSO OVVIAMENTE.
La bufala incalza e, complice l’assonanza del portale che l’ha pubblicata con un noto giornale italiano, addirittura immagina un’intervista con il misterioso ministro Scalà che alla domanda se questa scelta stia facendo ribellare tutti i giovani italiani risponde:
“Ad oggi non possiamo completamente paragonare in termini educativi i ragazzi italiani che frequentano le nostre scuole, a quelli che invece riuscivamo a formare ai tempi della leva obbligatoria, guardatevi attorno, il massimo della preoccupazione dei giovani di oggi è quello di prendere il maggior numero di Mi Piace sui social network, non pensano più ai veri valori alla quale eravamo legati noi da giovani, la disciplina, la famiglia e l’educazione. Con questo disegno di legge, grazie alla leva obbligatoria, vogliamo ricordare ai nostri giovani cosa significa vivere una vita esemplare, all’insegna dell’educazione e della disciplina”

Ovviamente tutto questo è frutto della fantasia dell’inventore di questa bufala che trova anche una morale giustificatoria dell’azione del falso ministro:

“Il suo discorso non fa una piega, a partire dal 2017, i giovani di sesso maschile a partire dal 17esimo anno di età dovranno scegliere una destinazione a distanza minima dei 300km dalla residenza, dove dovranno effettuare ben 18 mesi di servizio militare obbligatorio, che sarà comunque retribuito per circa 900 euro mensili, che saranno versati dallo Stato stesso nelle tasche dei giovani al termine dei 18 mesi.
Potrebbe essere non solo un’occasione per migliorarsi, ma anche un’opportunità per i giovani di guadagnare qualcosa.
Ogni militare avrà inoltre 87 giorni di permesso da utilizzare a piacimento per tornare dalle proprie famiglie. Eventuali problematiche o esenzioni fanno segnalate nei primi mesi del 2017, entro fine Febbraio.”

Ribadiamo che questa notizia è totalmente priva di fondamento e, seppure riteniamo che l’anno di leva obbligatoria era un’esperienza sicuramente positiva per i giovani italiani, ad oggi non c’è nessun dibattito aperto sull’argomento.

Comments