Home Attualità Istituto Nazionale Previdenza Sociale: attenti alle Fake Mail

Istituto Nazionale Previdenza Sociale: attenti alle Fake Mail

1455
CONDIVIDI
Fake Mail INPS

Mail truffa sulla posta elettronica

Attenzione! Sta circolando una nuova mail che sembra inviata dall’INPS (Istituto Nazionale Previdenza Sociale) e firmata da un certo Vincenzo Damato, ma che in realtà altro non è che una fake news (anzi un fake message).

L’indirizzo da cui è spedita è info@naziona.com, il che lascia già presagire che siamo in odore di raggiro. In allegato un file xls (ExCel) denominato certificazione2_131.xls: NON APRITELO.

Se avete ricevuto anche voi questa mail cestinatela direttamente, senza indugio alcuno.

Ecco il testo della mail farlocca:

Gentile contribuente,

 

Le avvisiamo che non è stato realizzabile la domanda in oggetto, presentata il 15.09.2020, per il seguente motivo :
Lei non ha presentato la documentazione che è stata richiesta il 04/12/2019 e, pertanto non è stato possibile procedere all’accertamento del dritto alla prestazione
La comunichiamo inoltre che, nel caso volesse impugnare il presente accorgimento, potrà presentare un ricorso amministrativo esclusivamente on line:
Se il appello non sarà determinato entro nuovanta giorni dalla data di attività, lei potrà esporre azione giudiziaria entro 3 anni dalla data di scadenza del fine previsto per la conclusione del appello stesso (2).
L’eventuale azione giudiziaria contro il presente accorgimento dovrà essere comunicata di tale agenzia, avendo il rappresentante lecito dell’istituto eletto a tal termine domicilio particolare l’agenzia stessa, ai senssi dell’art. 47 del normativa civile e per gli effetti di cui all’art. 30 del codice di norma civile.
La raccomandiamo di ottenere osservazione della certificazione completa riguardante la sua pretesa e il accorgimento, ambedue correnti nell’archivio allegato e scaricabile nella presente e-mail.

password: 2020

L’ufficio è a sua disposizione per qualunque informazione o chiarimento .
Il dirigente di unità operativa
Vincenzo Damato

Comments