Home Attualità Bufale veicolate con articoli di testate registrate: la nuova frontiera delle Fake...

Bufale veicolate con articoli di testate registrate: la nuova frontiera delle Fake News

687
CONDIVIDI

Divulgare un notizia falsa avvalendosi di un link ad un giornale affidabile. E’ questa l’ultima frontiera dei creatori di Fake News che, utilizzando il link ad un articolo di AGI.it che in una nota, in testa proprio all’articolo incriminato, ha specificato:

Caro lettore, se sei arrivato fin qui seguendo un messaggio allarmistico, devi sapere che questo articolo non ha alcun collegamento con quanto hai letto poco prima. Questo è un servizio di cronaca politica del 28 febbraio scorso che riporta correttamente quanto deciso dal Parlamento italiano in materia di intercettazioni. Questo articolo è vero, quello che hai letto prima è falso.

Ecco il messaggio falso circolato su whatsapp:

Da domani, nuove regole di comunicazione:
Tutte le conversazioni verranno registrate.
Vengono registrati tutti i registri delle chiamate telefoniche.
Tutti i messaggi e le chiamate di WhatsApp vengono registrati.
Monitoraggio di Twitter.
Monitoraggio di Facebook.
Segui tutti i social network e i forum.
Tutti i dispositivi sono collegati ai sistemi dipartimentali dei servizi di intercettazione telefonica del governo CDMX.
Fare attenzione a non inviare messaggi o informazioni non necessari contrari alle leggi e ai costumi.
Evitare di condividere informazioni riservate con amici e familiari.
Dillo ai tuoi figli e stai molto attento! Molto!
È importante trasmettere questo messaggio solo oggi, perché domani ci sarà un altro tipo di osservazione.
Incredibile, ma vero.
Invia oggi a tutti i tuoi parenti e amici.
“Tutto ciò che scrivi o dici può essere usato contro di te, anche qualsiasi battuta!”
Per chi non lo sapesse.

Ecco il link dell’articolo di cronaca di AGI.IT: https://www.agi.it/politica/news/2020-02-28/intercettazioni-legge-novita-7247955/

 

Foto di trol1 da Pixabay

Comments