Home Arte e Cultura Touroperator, la mostra di Massimo Sansavini a Salerno

Touroperator, la mostra di Massimo Sansavini a Salerno [Video]

152
CONDIVIDI

SALERNO, Stazione Marittima Zaha Hadid, si è tenuta la mostra Touroperator dal 15 al 22 Giugno 2017.

L’evento è stato promosso da Promuoviamoarte e Comune di Salerno ed organizzato da Bellarte di Angelo Criscuoli.

Nell’ambito della mostra si è tenuto il 18 giugno il concerto dei Discede, con la partecipazione straordinaria di Carlo Faiello – Featuring: Laura Cuomo e Rita Saviano.

Presentata nel 2016 al Parlamento Europeo di Bruxelles, TOUROPERATOR è una mostra itinerante concepita dall’artista Massimo Sansavini (Forlì, 1961) per sensibilizzare il pubblico su temi attualissimi: le migrazioni, l’attraversamento dei confini, l’abbattimento dei “muri” e l’accoglienza ed integrazione dei migranti.
Ospitata successivamente a Bologna (sede della Regione Emilia Romagna) e a Forlì (Fondazione Dino Zoli), l’esposizione vede la sua prima importante tappa nel Sud Italia all’interno della suggestiva Stazione Marittima “Zaha Hadid” di Salerno, luogo di reali sbarchi di migranti, dal 15 al 22 Giugno.
Le incantevoli opere esposte sono state realizzate con il legno dei barconi dei migranti, prelevato dall’artista, su autorizzazione del Tribunale di Agrigento, dagli scafi confiscati e custoditi nella ex base USA “Loran” a Lampedusa (c.d. “cimitero delle barche di Lampedusa”).
Ogni opera è intitolata con la data di un naufragio e costituita da un numero di elementi pari al numero delle vittime della tragedia, a cui rimanda un QR code. Ogni opera trasfigura in arte un “viaggio della speranza” di persone sfortunate, che rischiano la vita (anche quella dei propri bambini) per fuggire da territori di guerra e carestia alla ricerca di un futuro migliore.
Attraverso sculture sospese tra sogno e realtà, Sansavini prova poeticamente a narrare storie che vanno ascoltate e comprese per concorrere a demolire i muri del pregiudizio e dell’intolleranza.
La grande attenzione mediatica pel il progetto, iniziato nel 2013, è testimoniata dai servizi televisivi delle maggiori emittenti nazionali.
“I flussi migratori del XXI secolo, l’integrazione e la multi-etnicità trasformeranno radicalmente la nostra società: sarà un cambiamento epocale ed irreversibile” – Massimo Sansavini

 

Il brano del video è “Migranti”, testo e musica Nunzio Nunziato. Il testo è ispirato alla poesia “O’ migrante” di Gianni Franicola. Voci: Laura Cuomo, Rita Saviano, Veronica D’Amato, Maurilio Taiani, Alfonso Manzi – Chitarre: Nunzio Nunziato – Filicorno soprano e tromba: Gianfranco Campagnoli – Basso: Diego Imparato – Batteria: Gianluca Brugnano. La ballerina nel video è Sveva Taiani.

Comments