Home Sport Da Amalfi a Venezia in bici per il secondo “Raid dell’abbraccio”

Da Amalfi a Venezia in bici per il secondo “Raid dell’abbraccio”

2186
CONDIVIDI
Mauro e Romeo all'inizio del loro viaggio a Maiori in Costiera Amalfitana

Alla scoperta dell’Italia in bici, un po’ ciclisti ed un po’ turisti, è la seconda edizione del personalissimo “Raid dell’abbraccio” di due ciclisti veneti, Mauro e Romeo.

Sorbetto al Limone a Tramonti
Sorbetto al Limone a Tramonti
Romeo Boscolo e Mauro Gambato già l’anno scorso si erano cimentati nel primo Raid dell’abbraccio, da VeneziaSanta Maria di Leuca. Come loro stessi si definiscono, Mauro e Romeo sono due ciclisti maturi che hanno alle spalle tantissime imprese: Il Cammino di Santiago, discesa del Po e dell’Adda, dalla sorgente alla foce, Venezia – Roma, Venezia – Spoleto, Venezia – Cuxhaven (Mare del Nord), ciclabile della Drava, Venezia – Vienna, tanto per citarne alcune di maggior impegno.

La tappa di Pompei
Sosta con foto a Pompei
Lo scopo del Raid dell’abbraccio, come si intende già dallo stesso nome, è quello di conoscere e abbracciare il maggior numero di persone. Nell’era dei social network c’è voglia di comunicare fisicamente, realmente: “contando di abbracciare il vigile, il postino, la massaia, il parroco, la maestra, il sindaco, la ragazza del bar, tutti gli altri e chi vuol pedalare, per qualche tratto, percorrendo alcuni dei mille chilometri, assieme a loro“.

Il viaggio parte in treno per raggiungere Salerno con la bici smontata e tanta voglia di conoscere nuova gente e di “scoprire un tragitto che colleghi le due Repubbliche Marinare via terra, di godere di vecchie vie semi abbandonate, transitando tra piccoli paesi, tra borgate tagliate fuori dal grande e veloce traffico, in mezzo alle case e alle campagne.

Cese al ristorante il Palentino con Antonio e Luciana
Cese al ristorante il Palentino con Antonio e Luciana
Tante le tappe e le persone incontrate in questo viaggio, svoltosi ad Aprile 2016 e  durato sette giorni, che ha portato i due capaci ciclisti dalla Costiera Amalfitana alla splendida Venezia. I sapori dell’Italia più vera, l’affetto degli italiani incontrati per strada, dei sorrisi e degli abbracci scambiati hanno reso la fatica meno pesante e regalato un ricordo indelebile nella mente e nei cuori dei due atleti.

Passo dei Mandrioli
Passo dei Mandrioli
Vale la pena perdere qualche minuto e consultare il “diario di bordo” pubblicato sulla testata Bikeitalia.it.

Tante le soste effettuate nel viaggio, Amalfi, Maiori, Tramonti al Valico di Chiunzi, il Caos del traffico di Scafati, Pompei, il Vesuvio, Olivella, Rieti, San Martino in Campo, San Leo, Marozzo per raggiungere la destinazione Chirignago, località del Comune di Venezia situata sulla terraferma ad ovest di Mestre, dove entrambi i ciclisti risiedono.

 

 

Comments