Home Animali Una riflessione ad alta voce di un medico veterinario

Una riflessione ad alta voce di un medico veterinario

1609
CONDIVIDI

La professione del Medico Veterinario vive un periodo estremamente delicato attualmente.

Siamo nel disagio perché la nostra volontà di poter offrire un servizio sempre più adeguato, professionale e aggiornato significa presentare al cliente un conto e siamo consapevoli che un quarto dell’importo presentato è IVA.

Costantemente ci presentiamo come medici e offriamo prestazioni mediche, proponiamo esami medici, redigiamo un preventivo per le spese mediche, prescriviamo medicinali, siamo soggetti a ricette elettroniche fatturazione elettronica, usiamo un fonendoscopio ed indossiamo un camice ma sfortunatamente le analogie con “i medici” finiscono qui.

Le prestazioni veterinarie sono assoggettate ad IVA al 22% esattamente come una prestazione eseguita su di un oggetto così come i nostri acquisti, le fatture che presentiamo al cliente, i mangimi per i pets, gli antiparassitari … tutto ha IVA al 22%.

Curare un cane o un gatto è, fiscalmente, assimilabile a “curare” un cellulare rotto, mentre acquistare i medicinali necessari è paragonabile a comprare un pezzo di ricambio.

PRESTAZIONI SANITARIE ESENTI IVA:

– Prestazioni effettuate da medici, chirurghi e odontoiatri

– Prestazioni dirette alla diagnosi, cura e riabilitazione di biologi e psicologi;

– Infermiere, ostetrica, infermiere pediatrico;

– Podologo, fisioterapista (o massofisioterapista con formazione triennale) – Logopedista, ortottista, tecnico della riabilitazione psichiatrica, educatore professionale;

– Tecnico audiometrista, tecnico sanitario di laboratorio biomedico, tecnico sanitario di radiologia medica

– Tecnico ortopedico, tecnico audioprotesista, igienista dentale, dietista;

– Tecnico della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro, assistente sanitario.

QUINDI OPERATORI SANITARI (NON MEDICI) CON LAUREA TRIENNALE SONO ESENTI DA IVA…. NOI, MEDICI VETERINARI CON LAUREA SPECIALISTICA DI 5 ANNI ABBIAMO UN’IVA AL 22%

E TRA POCO AL 25% !!!

Quando pagate una prestazione Veterinaria pensate a questo…pensate al 25% di iva ed al quasi 45% di tasse…sottraetele al totale…togliete anche costi di gestione di una clinica, gli aggiornamenti, le attrezzature, i costi di previdenza sanitaria, i costi dei medicinali…e vedrete che la quota è ben bassa.

Comments