Home Attualità Migrante somalo arrestato dopo aver chiesto lo stato di rifugiato, era un...

Migrante somalo arrestato dopo aver chiesto lo stato di rifugiato, era un pirata

208
CONDIVIDI
La Savina Caylyn

I carabinieri del Ros hanno arrestato un migrante 24enne di origini somale, riconosciuto come uno dei pirati che nel 2011 sequestrarono la petroliera italiana Savina Caylyn.

 

Secondo Rainews, in questi giorni l’uomo, di nome Mohamed Farah, aveva fatto applicazione per lo status di rifugiato al Centro permanenza per i rimpatri ‘Pian del lago’ di Caltanissetta. Non aveva documenti, quindi è stato riconosciuto grazie alle impronte digitali, che erano compatibili con quelle raccolte sulla petroliera dai carabinieri del Ris e Ros.

 

Mohamed è accusato di aver partecipato, insieme ad altri 50 pirati somali, all’abbordaggio della petroliera Savina Caylyn al largo della Somalia, effettuato con armi automatiche e lanciarazzi. La nave è stata sequestrata per dieci mesi finché il 21 dicembre 2011, dopo mesi di trattative, è stata rilasciata insieme all’equipaggio, composto di 5 italiani e 17 indiani, che nel frattempo avevano subito violenze e maltrattamenti.

Comments