Home Film Uscite scandalose di Johnny Depp: l’attore lancia velate minacce di morte a...

Uscite scandalose di Johnny Depp: l’attore lancia velate minacce di morte a Trump

297
CONDIVIDI
Johnny Depp al festival - immagine di tgcom24.mediaset.it

Il mondo dello spettacolo non è estraneo a battute forti ed allusive o eccessi da parte dei vip che suscitano scandalo ed indignazione. Questa volta è Johnny Depp ad essere al centro dell’attenzione, per alcuni battute poco amichevoli rivolte al Presidente degli Stati Uniti. L’attore protagonista della serie “Pirati dei Caraibi” si trovava al Glastonbury Festival in Inghilterra, per tenere una conferenza di fronte ai suoi fan in cui discutere dei suoi film preferiti, in particolare “The Libertine”.

 

Proprio durante la presentazione, riporta Sky Tg24, Depp si è lasciato andare ad alcune battute molto spinte, dicendo: “Potete portarmi Trump qui?”, il pubblico ha immediatamente risposto con fischi e urla di disapprovazione per cui l’attore ha chiarito: “Mi avete assolutamente frainteso: quando è stata l’ultima volta che un attore ha assassinato un presidente?”. “Ora voglio chiarire – ha aggiunto Depp – non sono un attore. Io mento per vivere. Tuttavia, è passato un po’ e forse è il momento”. Questa uscita ha suscitato l’ilarità e gli applausi del pubblico che lo hanno incoraggiato a continuare, tuttavia subito dopo l’intervento la star di Hollywood è tornata leggermente sui suoi passi affermando: “In ogni caso questo finirà sui giornali e sarà orribile. È solo una domanda, non sto insinuando nulla”.

 

Queste dichiarazioni sono chiaramente un riferimento all’attore John Wilkes Booth, l’uomo che nel 1865 assassinò il presidente Abraham Lincoln, e sono state accolte da reazioni contrastanti, specialmente considerando il clima anti- Trump che si sta sviluppando in America, molte persone sono deluse dall’amministrazione e dall’establishment politico, e ciò ha dato vita a molte manifestazioni di dissenso a volte anche violente, come quella accaduta lo scorso 14 giugno, quando James Thomas Hodgkinson, un 66enne sostenitore di Bernie Sanders ha sparato ripetutamente ad uno dei fedelissimi di Trump, Steve Scalise, durante una partita di baseball, venendo poi ucciso dalle Forze dell’ordine. Il clima politico e sociale è quindi molto teso e qualsiasi tipo di azione, per quanto insignificante possa sembrare, può avere grosse ripercussioni e conseguenze impreviste.

Comments