Home Arte e Cultura “Nel segno di Manara” – Antologica di Milo Manara – aperte le...

“Nel segno di Manara” – Antologica di Milo Manara – aperte le prevendite dei biglietti

147
CONDIVIDI
Milo Manara

Sono state aperte al pubblico le prevendite dei biglietti della grande e attesa mostra “Nel segno di Manara. Antologica di Milo Manara”, a cura di Claudio Curcio e promossa dal gruppo Pallavicini S.r.l in collaborazione con Comicon, che dal 22 settembre 2017 al 21 gennaio 2018 abiterà le sale dell’incantevole Palazzo Pallavicini.

 

Fino al 20 settembre, acquistando le prevendite sul circuito Ticketone, si avrà diritto a uno sconto d’eccezione: i biglietti costeranno solamente euro 10,00 (più diritto di prevendita) al posto della tariffa intera prevista di euro 13,00.

La mostra, una delle più importanti mai realizzate sull’artista veronese con circa 130 opere divise in sette sezioni, vuole innanzitutto rendere omaggio a uno degli autori contemporanei italiani più conosciuti e apprezzati in assoluto di tutto il mondo, abbracciando la sua produzione fumettistica e il suo lavoro d’illustratore per la stampa, il cinema, la pubblicità: dalle tavole quasi mai viste di Un Fascio di Bombe fino all’assoluta anteprima delle tavole del secondo volume del Caravaggio, ancora non disponibile in libreria.

 

Padre dell’immaginario erotico, e non solo, d’intere generazioni, dagli anni Ottanta in poi Milo Manara ha rivoluzionato l’universo dei fumetti con il suo tratto inconfondibile, influenzando e ispirando centinaia di autori in Europa, negli USA e in Giappone. E’ approdato al linguaggio fumettistico con l’intenzione di costruire un proprio ruolo nella società e nel giro di quarant’anni è diventato uno degli autori contemporanei italiani tra i più conosciuti in tutto il mondo, “capace di riempire intere sale e formare code d’attesa per un autografo in giro per i cinque continenti” (cit. Curcio).

 

L’esposizione vuole essere un viaggio completo nella carriera di un grande esploratore, rivolta agli appassionati del fumetto, ma anche a chi di Manara conosce solo il tratto o il nome.  Un invito, insomma, a perdersi nei dettagli delle sue tavole originali, per godere della magia del disegno che nessuna stampa potrà mai riprodurre su carta.

Comments