Home Attualità Gli inesperti, alla prova dei fatti, sono migliori dei politici di professione.

Gli inesperti, alla prova dei fatti, sono migliori dei politici di professione.

501
CONDIVIDI

di Alessandro Di Battista
Ne ho sentite di tutti i colori nelle ultime settimane. “Ecco come al solito dicono sempre no” e poi “si sono piegati ai palazzinari”, l’ultima accusa sosteneva addirittura che Virginia Raggi avesse finto il malore per far saltare tutto. In molti dovrebbero farsi un esame di coscienza ma non se lo faranno.

Gli “inesperti” del M5S sono arrivati a Livorno e hanno trovato l’azienda dei rifiuti sull’orlo del baratro. Si sono rimboccati le maniche, hanno proposto soluzioni innovative, hanno ricevuto attacchi di ogni tipo da quel “sistema” di potere che non vuole mollare l’osso ma alla fine ce l’hanno fatta. Hanno salvato l’azienda senza tagliare alcun servizio per la città.

Gli “inesperti” del M5S nel 2013 sono entrati in Parlamento. Ve li ricordate i primi mesi? “Sono ignoranti”, “dovevano fare l’accordo con Bersani”, “parlano solo di scontrini”. Ci siamo rimboccati le maniche. Non ci siamo fatti intimorire dai soliti vergognosi attacchi e abbiamo studiato. Abbiamo condotto battaglie mai fatte contro lo strapotere delle banche; abbiamo denunciato l’incostituzionalità di leggi renziane poi, puntualmente, rivelatesi incostituzionali; abbiamo attaccato la truffa del JobsAct e, purtroppo, i dati drammatici sull’occupazione confermano la giustezza delle nostre posizioni. Abbiamo, senza aver aspettato l’approvazione di una legge, messo da parte 20 milioni di € tagliandoci gli stipendi e con questo denaro stiamo sostenendo migliaia di imprese.

A Roma gli “inesperti” del M5S sono entrati. Hanno trovato una situazione disastrosa. Si sono messi al lavoro e stanno ottenendo risultati. La gestione delle questione stadio è sintomatica. Il circo mediatico ogni giorno provava a dividerci. Sosteneva che avessimo cambiato idea e invece? Si è trovato un accordo per fare un impianto nel rispetto delle regole e della città. Insomma una cosa normale. Normale. Siamo la rivoluzione della normalità, quella che serve a Roma e che servirebbe al Paese intero. Prima o poi si voterà. Metteteci alla prova!

Comments