FAKE THE SYSTEM #2: l’incontro sabato 6 maggio ad Avellino con Alvaro...

FAKE THE SYSTEM #2: l’incontro sabato 6 maggio ad Avellino con Alvaro Porfido e Andrea Natella

163
CONDIVIDI
Godot Art Bistrot
L'incontro che si terrà ad Avellino presso il Godot Art Bistrot

Un grande incontro Sabato 6 Maggio alle ore 21.00 presso il Godot Art Bistrot con i massimi esponenti di bufale e fake news in Italia.

Andrea Natella
sociologo italiano, marketing strategist e design fiction artist. Dal 1995 è conosciuto come Luther Blisset. Nel 1999 crea Men In Red, primo gruppo marxista con interesse per l’ufologia. Nel 2003 fonda guerrigliamarketing.it, una finta agenzia di advertising che pianifica bufale e crea strani progetti artistici, spaziando dalla pornografia alla politica e pubblicità. Nel 2009 fonda Kook Artgency una reale agenzia di pubblicità che gestisce 00KK il team di street disturbing attivo a Roma. Adesso sta lavorando a una serie tv basata sul suo lavoro più conosciuto: ThisMan.org

Alvaro Porfido
filosofo del clickbaiting, precario della disinformazione, penna dei maggiori siti bufalo-comicari italiani (il matto quotidiano, il giomale, il corriere della notte, il fatto quotidaino.it). Bufalaro doc con alle porte una laurea sull’analfabetismo digitale alla facoltà di lettere di Napoli

Fake the system #2
Post-truth è la parola del 2016 secondo l’Oxford English Dictionary che la definisce come “circostanza in cui i fatti obiettivi sono meno influenti sull’opinione pubblica rispetto agli appelli emotivi e alle convinzioni personali”. Esplosa dopo la vittoria di Trump alle presidenziali americane e il risultato della Brexit nel Regno Unito, la rete ha senza dubbio delineato i connotati fondamentali di questa dimensione “oltre la verità”. ‘Oltre’ è il significato che qui sembra assumere il prefisso post- (invece del consueto ‘dopo’): si tratta cioè di un ‘dopo la verità’ che non ha niente a che fare con la cronologia, ma che sottolinea il superamento della verità fino al punto di determinarne la perdita di importanza.
“La tattica del fake si fonda su un paradosso: da un lato dovrebbe essere il meno possibile riconoscibile (la falsificazione deve essere ottima), ma allo stesso tempo deve avviare un processo di comunicazione in cui divenga chiaro che l’informazione era falsa: il fake deve essere scoperto. In breve la formula é: fake = falsificazione + rivelazione/smentita/confessione” (Comunicazione-guerriglia Tattiche di agitazione gioiosa e resistenza ludica all’oppressione).

 

Comments