Home Attualità Virginia Raggi ed il Movimento 5 stelle dichiarano guerra al gioco d’azzardo

Virginia Raggi ed il Movimento 5 stelle dichiarano guerra al gioco d’azzardo

857
CONDIVIDI

Con un articolo apparso sul blog di Beppe Grillo a firma di Virginia Raggi e di tutti i consiglieri in quota M5S, Roma dichiara guerra al gioco d’azzardo. 

La giunta Raggi dice basta alla giungla di slot machine nella città che la fanno assomigliare più a Las Vegas che alla città eterna che tutto il mondo ama.

La scorsa settimana è stata depositata una delibera di iniziativa consiliare sul regolamento delle sale slot a Roma. 

Un’iniziativa targata Movimento 5 stelle con l’obiettivo di tutelare la salute dei cittadini e, di conseguenza, la sicurezza della città, la viabilità, l’inquinamento acustico, il decoro urbano e la quiete pubblica.

Il regolamento mette finalmente ordine in quella che in molti definiscono come un’emergenza sociale, con numeri realmente impressionanti: 294 sale giochi, più di 50mila slot machine (più del 12% di tutte quelle distribuite nel nostro Paese). 

Con le nuove regole, finalmente, vengono introdotti i limiti di distanza di 500 metri dai luoghi “sensibili” come ad esempio scuole, centri sportivi, chiese, caserme e sportelli bancomat.

Il centro storico sarà off-limits. Si vieta infatti l’uso delle slot machine nei perimetri del centro e nelle aree pedonali interdette alla circolazione dei veicoli. A questo si aggiungono le limitazioni orarie: sarà possibile l’utilizzo delle new slot machine(definite simpaticamente “apparecchi automatici di intrattenimento con vincite in denaro”) dalle 10 alle 14 e dalle 18 alle 22 mentre nei giorni festivi non sarà consentito. 

Il Movimento Cinque Stelle si sta battendo con forza anche a livello regionale e nazionale contro una delle lobby più potente: quella del gioco d’azzardo. 

Il messaggio di Virginia Raggi e del Movimento 5 stelle è chiaro: “Ciò che ci sta più a cuore è la salute dei romani e finalmente questa regolamentazione si pone tutta a vantaggio della città e dei suoi cittadini.”

Comments